La pasqua di Bianconiglio

Bianconiglio attraversò il bosco di gran carriera. Il suo unico problema, come sempre da quando lo avevano creato, era quello di non fare tardi.

Passò tra i cipressi trotterellando con la sveglia al collo che penzolava ondeggiando irrequieta quanto lui. Attraversò un corto pontile posto sopra un ruscello dai riflessi colorati d’argento ed azzurro marino.

Le travi levigate dal trascorrere del tempo traballarono sotto le zampe che vi saltellavano veloci facendolo preoccupare qualche istante per un bagno indesiderato. Si inoltrò tra le siepi oltre il boschetto.

Fiancheggiando cespugli di more e fragole mature che facevano venire l’acquolina in bocca. Ma non si fermò. Sarebbe arrivato tardi e non poteva permetterselo. Calpestò un prato di margherite e viole. Falciando involontariamente alcuni petali nel passaggio. Poi giunse ad uno spiazzo occupato solo da terriccio e sassi e circondato da pini, salici e rododendri in fiore. Era in orario.

Non poteva sbagliarsi su questo. Eppure Alice non si vedeva. Con un sospiro di sollievo notò l’assenza anche delle guardie della regina e dell’antipatico Stregatto che tante noie gli aveva portato in passato.

«Cerchi Alice..?»
gli disse l’uomo comparso all’improvviso davanti a lui.


«Si, si… ma non la trovo… eppure.. non sono in ritardo! Guarda… vedi la mia sveglia? Segna esattamente le dodici… Non sono in ritardo!»
ripeteva sconsolato e preoccupato.


«No… non lo sei. Ma ti vedo stanco. Sdraiati un po’ vicino a me. Riprenderai fiato e potrai tornare a cercare Alice..».


Bianconiglio accettò la proposta dell’uomo. Questi attese che chiudesse gli occhi, preparò le uova e prese il coltello da macellaio indossando il grembiule bianco…

L'immagine “https://i1.wp.com/img216.imageshack.us/img216/1844/pasqua2007tc3.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

TANTI, TANTISSIMI AUGURI
DI UNA SERENA PASQUA

A TUTTI QUELLI CHE PASSAN DI QUA.
DAL VOSTRO ALIENO DI FIDUCIA!

Autore: Keypaxx © Copyright 2007. Tutti i diritti riservati.

Annunci

117 risposte a “La pasqua di Bianconiglio

  1. BEh molto inusuale come favola di pasqua o racconto pasquale. Il finale è agghiacciante…
    Forse anche perché ho letto e guardato l’immagine sotto il tuo post con una musica molto acida…
    Bedduuu 😉
    piaciuto piaciuto
    ma er pupo è troppo piccolo grrrrrrrr
    è un bambino maledetto 😀

  2. @goodnightmoon88

    ;-D
    Immaginavo avresti gradito. E’ una “favola nera”, tutto sommato. Che nasconde molti doppi sensi come tutte le favole. Qui certamente più cupi e realistici.
    Il pupo te lo becchi e te lo cresci!
    Non sai che è meglio tirarli su da piccoli?
    Da grandi son già da buttare!
    ;-P

  3. Una favola davvero nera…povero coniglio…sacrificato per la Pasqua…
    Molto bello però quanto crudo…

    Ti mando un bacione e ricambio gli auguri di buona Pasqua!

    ^_____________________^

  4. Mah… mi avevi illusa ufff! Ed io che arrivo qui pensando di trovare un uovo di cioccolata ad aspettarmi!!!
    ASSASSINO! Menomale che c’è quello della mia piccola ;-P
    Non è che me lo mandi con l’astronave?
    Buona Pasqua a te Key!
    Un bacio

  5. Azz mi sono scordata un pezzo!! *___*
    Povero Bianconiglio…non mi è mai piaciuto come personaggio, quindi solo in questo caso potrei essere daccordo con kl’uomo misterioso che lo fa riposare…

    Ma gli auguri non te li faccio adesso!! 😛

    Un bacione megagalattico!!! :***

  6. Amico mio….BUONA PASQUA ANCHE A TE!!!
    Mi hai strappato un sorriso con questo post…..mai fidarsi degli sconosciuti gentili e accondiscendenti…….soprattutto se sei un coniglio…e la pasqua è vicina!!!!!!!!
    Ti auguro tanta felicità!!!!!!

  7. Il coltello da macellaio faticava ad entrare nelle fibre. L’uomo si passò il dorso della mano sulla fronte. Si ricordò di un altro attrezzo che non stava in cucina, ma che poteva fare al caso suo. Piano piano emettendo un suono continuo e sordo le due metà si squarciarono e la sega circolare la vinse sull’uovo di granito. L’uomo collocò quindi nell’incavo appena scalfito un collare rosso con un campanello per il coniglio che aveva sempre fretta, così sarebbe andato più piano per non rimanere assordato da se stesso. Cosparse l’uovo di fieno fresco, e unì quindi le due metà con un robusto nastro di corda, adagiandolo poi in un cesto pieno di carote e lattuga, che il piccolo coniglio sempre agitato avrebbe gustato con calma al suo risveglio… 🙂 Orsa

  8. Sì, ma non v’ha dubbio alcuno che l’atto del divorare presume la morte di chi è divorato, anche in extremis, animale o vegetale che sia. Per questo in civiltà pregresse veniva preceduto, perlopiù per la carne ma non solo e non sempre, da un rito sacrificale. Il maggio ne è una dimostrazione. L’agnello di Dio che viene immolato non è non è materia esclusivamente evangelica. Per concludere, i templi altro non erano che delle macellerie sacre, e le are o altari nient’altro che un piano particolare di mattazione.

    Buona Pasqua!

  9. @enricoan

    Alcuni giustificano la mattazione vegetale per escludere quella animale. Per quanto siano apprezzabili, le tue esternazioni sanno di filosofico.
    Si deve pur mangiare. Carne o vegetale che sia.
    Mors tua vita mea..
    Riduttivo forse, materiale si potrebbe accusare..
    Ma necessario.
    Rinnovo augurissimi a te 😉

  10. … con il coltello tagliò le uova in tante fettine sottili e le adagiò su un piatto ovale insieme ai carciofini e alle olive. Poi prese il tubo della maionese e disegnò una faccia sorridente al centro del piatto. Sorrise. Si leccò le dita e pensò che aveva fatto proprio un buon lavoro e che bianconiglio, quando si sarebbe svegliato, avrebbe avuto una bella sorpresa. Ripose il coltello nel tronco di un albero cavo e si distese sull’erba umida a rimirare il cielo nitido. Buona Pasqua 🙂

  11. @cristalpen

    Beeeeene.. un congeniale proseguio della favoletta..
    ^___^
    Praticamente una mezza proposta di collaborazione. Solitamente vaglio solo le proposte indecenti, ma, con la carestia di denaro che si respira in giro non credo qualcuno ci metta a disposizione un milione di dollari..
    Una serenissima pasqua a te.
    Bacio
    ;*

  12. @claudioarzani

    Ti ringrazio moltissimo per l’ispirato messaggio pasquale e te lo giro a mia volta. Augurandoti le cose migliori ed i rinnovamenti graditi ad ogni penna colta ed arguta come la tua.

  13. Ciao caro,passo oggi a farti gli auguri perchè abbiamo ospiti a casa e mi sono collegata al volo! (abbiamo i genitori di Piero)

    Ti auguro una felice Pasqua e ti mando un bacione!!!

    ^____________^

  14. “;-D
    Immaginavo avresti gradito. E’ una “favola nera”, tutto sommato. Che nasconde molti doppi sensi come tutte le favole. Qui certamente più cupi e realistici.
    Il pupo te lo becchi e te lo cresci!
    Non sai che è meglio tirarli su da piccoli?
    Da grandi son già da buttare!
    ;-P”

    Guarda che ho gradito capito etc, solo che un animo vegetariano rimane un po’ influenzato…
    prRRRRRRRRRRRRRRRR

    non parlo l’italiano evidentemente…
    commento in altre lingue? !!!

    Per quanto concerne il pupo, non tengo l’età la voglia e la predisposizione per i pupi,,,, aiaaaiaia

    ;P

  15. @goodnightmoon88

    Cioè, fammi capire; ti ritieni una sex bomb quasi quarantenne..?
    ;-P
    Va bene dai; quando ti inviterò a cena io mangio la carne e a te faccio portare le verdure, ok?
    ;-P
    Smuack
    ;*

  16. @utente anonimo (ladysoul)

    E’ una sorta di.. fiaba nera..
    Normale che faccia questo effetto 😉
    Un’altra volta firmati, però.. non amo gli “anonimi”.
    Una serenissima pasqua a te.
    Un abbraccio

  17. Delizioso coniglietto, ma le uova non le vedo… vuoi dire che l’ aria sorniona del conoglio spiega l’ inghippo? Le uova le ha mangiate tutte lui! E dopo questa lapalissiana asserzione, eccomi a rinnovarti tantissimi auguroni belli per una serena, dolcissima Pasqua.
    Un abbraccio e un baciottone,
    Giulia.

  18. @LadySouls

    Non temere.. è solo che gli utenti anonimi, talvolta, nascondono cose poco gradevoli. Ma non è assolutamente il tuo caso!
    Anzi..
    ^__^
    Benvenuta su queste colonne.
    Un caloroso salutone a te!

  19. @zenzerocandito

    Temo che il Cappellaio Matto si stia pregustando un tè al gelsomino mentre lo Stregatto scodinzoli mezzo visibile tra le foglie di un acero con un sorrisone a 44 denti 😉
    Augurissimi a te e grazie per l’arrivo su queste mie colonne.
    Un abbraccio.

  20. Trovo estremamente gratificante che, oggi e domani potrò riposarmi dal lavoro… comincio ad avere il dubbio che avessi bisogno di riposare: ho dovuto inviare ben 3 messaggi, con questo, e non sono ancora certa d’ aver espreso in modo proprio quanto intendevo!! Mi dovrò preoccupare?? :-)))))
    E ora, vado alla ricerca degli ovetti, sotto il con iglio, sotto il macellaio, sotto… oddiomio… Buona Pasqua, Key!
    Besos,
    Giulia.

  21. E’ da un pò che sono su Splinder ma solo da poco commento i post. Ti ho visto nel blog di Anne Heche e sono venuta a vedere. Devo fasrti i miei complimenti perchè scrivi molto bene.

  22. Perdonami, mi hai frainteso oppure, per dir meglio, mi sono spiegato male. Io, per mia natura e scelta, non sono contro niente e nessuno. Figuriamoci poi per ciò che concerne il cibo. Ognuno può mangiare quello che più gli pare e piace. Ci mancherebbe!
    In genere, diamo troppa importanza alla morte quando ne dovremmo più alla vita.
    Riferivo soltanto umani percorsi sanguinari, seppur in forma abbreviata. E il sangue è l’essenza della vita.
    Non c’è nessuna religione, e, se vuoi, senso religioso che non tratti il cibo in maniera sacrale e da varia angolazione. Talora proibendo, altre consigliando.
    Per il ‘maggio’ mi riferivo a una tradizione, tale Jack the green, cara ad alcuni popoli nordici. Là dove, prima si immolava un giovane, affogandolo nel fiume, e oggi si fa finta di immolarlo.
    Poi, naturalmente, le carni non andavano perse, venivano cucinate a dovere e servite in un convivio, quindi si mangiavano in allegria. Carni di graziosi maschietti, tenerissime. Era un modo gentile di ingraziarsi le divinità per averne in contraccambio ottimi raccolti. Altro che filosofia^^. Filosofia della sopravvivenza del genere umano.

    Un caro saluto,
    Enrico

  23. Paxxxxxxxxxxxxxx O_o
    Hai presente Mickie James?
    Beh…ho appena visto alcune (tantissime) sue foto…come dire…uhm…zozze,sì,moooolto zozze 😀
    Ed è lei,non sapevo avesse un passato da modella hard 😀

  24. @Faus74

    Te ne stupisci? Non sarebbe la prima.. 😉
    I nudi si sprecano tra le divas. Più o meno spinti. Il porno è la parente più prossima da cui alcune provengono o a cui alcune finiscono (guarda Chyna…)
    😉

  25. ma come??mi stavo beando della favoletta del bianconiglio e tu mi fai un finale cosi’ terribile?certo i conigli son perseguitati,e son tanto buoni da mangiare, hai comunque parlato drammaticamente della fine che quasi sempre fanno , poveri coniglietti…….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...