Prot – file 7 di 13

Rowena si accingeva a chiudere le imposte delle stanze con espressione corrucciata e pensieri preoccupati, mentre Angela si rilassava guardando la tv. Non avrebbe saputo spiegare il motivo esatto del suo stato d’animo. Il ritardo da parte del padrone di casa, in se stesso, non significava nulla di particolarmente allarmante. Il ruolo che svolgeva nella comunità texana esigeva una presenza pressochè continua nelle questioni dei concittadini. Una chiamata imprevista poteva strapparlo dalle sue ore di riposo in qualsiasi momento della giornata. E, probabilmente, questo stava passando per la testa della figlia. La governante di colore, invece, era di ben altro avviso. Istintiva per indole tendeva a dar ascolto a quanto le sensazioni le trasmettevano. Ed un sentore di angoscia le permeava l’animo quella sera.

L'immagine “https://i2.wp.com/img260.imageshack.us/img260/8189/prot7abg9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

   Attraversò le camere da letto, il piccolo salottino e raggiunse la cucina. I mobili in legno d’abete incorniciavano gli interni arredati con gusto, ma in modo spartano. Nel piccolo atrio che conduceva agli scalini d’ingresso era stato appeso un quadro ritraente lo sceriffo e la giovane moglie, dipinto dalla sorella di quest’ultima. I colori vividi e caldi davano l’impressione di un sentimento forte e passionale vissuto dalla coppia di sposi. Rowena sostava spesso a scrutare l’opera. Le piaceva rammentare il lato emozionale del suo datore di lavoro. Un uomo che, talvolta controvoglia, si costringeva ad apparire più freddo di quanto realmente fosse.
   Chiudendo l’imposta della cucina cercò con lo sguardo il fedele Cheyenne. Il Pit Bull nero non manifestava mai apertamente la sua presenza, ed abbaiava di rado. E sempre per motivi mai futili. Una volta fu in occasione dell’indiano ubriaco giunto a cavallo ed andato a sbattere contro lo steccato del cortile. Un’altra per un coyote passato troppo vicino al ranch durante le ore notturne e finito in una tagliola dimenticata da chissà chi. Si sentiva sicura con Cheyenne attorno. Nè scorse la sagoma silenziosa ed immobile a qualche metro di distanza. Ormai avvolta dalla cappa scura dell’oscurità. Leggermente più rilassata, la donna chiuse il battente in legno ed aprì il rubinetto del lavandino per lavare le stoviglie. Si ricordò solo allora di non aver ancora portato la biancheria sporca nel lavello della cantina. Con lo spavento vissuto per la vicenda del Siestahombre, le faccende domestiche ne avevano risentito quanto lei. Si diresse precipitosamente in bagno e prese con sè il sacchetto con gli abiti da pulire. Sul pianerottolo incrociò il Pit Bull che non mutò posizione al suo passaggio. Compiuto qualche altro passo, la sua attenzione venne però richiamata in basso. Le sembrava di aver calpestato del liquido. Nel pallido riflesso della luna si sforzò per capire di cosa si trattasse. La lingua scura e densa proseguiva dai piedi della governante sino alle spalle.
«…Cheyenne…?!?»
sussurrò notandola infilarsi sotto la figura dell’animale.
La ragione cercava di offuscarle i sensi, di non recepire la realtà. Eppure, suo malgrado, la natura di quel liquido era indiscutibile.
Poi le furono serrate le labbra. Un braccio forte e robusto le circondò il petto. Una mano decisa e spietata sollevò una lama fredda nell’aria.
Rowena si rese conto a malapena di quanto le stava accadendo. Il dolore le smorzò il respiro. I lamenti strozzati ruppero la notte in arrivo.
Nel salottino, Angela restava assorta a guardare uno spettacolo di teatranti che suscitavano ilarità. La serata si prometteva interessante…

L'immagine “https://i1.wp.com/img412.imageshack.us/img412/2021/prot7bkl5.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.



Autore: Keypaxx © Copyright 2007. Tutti i diritti riservati.

120 risposte a “Prot – file 7 di 13

  1. Trovo sempre deliziosi buongiorni nel tuo blog … ci voleva stamane questo racconto … si potrebbero avere questi file x mail???? mi piacerebbe conservarli … come a dire un giorno io l’ho letto … ti lascio il mio solito bacione sperando che nn ti stufi anche di quello …. con affetto Emy

  2. Ahhhhh sangue????? Paura!!!!!
    Sempre più avvincente, non facile creare quell’attesa, la suspance, la descrizione dettagliata di respiri sospesi in attesa di….. chissà…..
    Bravissimo.

  3. ??? Ma sei tu nella foto sul top????

    Ti devo chiedere il permesso per una cosa, in questo periodo ho pocho tempo, tra lavoro e altro, per stare al pc, ma molte cose non voglio perdermele, posso stampare il racconto leggerlo con calma su carta e poi tornare?
    per ora ti lascio una carezza
    katia ^_^

  4. Ciao Genio della penna, ti lascio un regalino visto che anche a te è piaciuto tornare indietro nel tempo con i barbapapà:
    [audio src="http://www.naughtykitty.org/barbapapa/La%20famiglia%20di%20Barbapap%E0.mp3" /]

    E♥

  5. @diabolika67

    Nella colonna di sinistra del blog ho specificato il mio pensiero riguardo le spedizioni, pdf e varie..
    ;-P
    Dei baci di buona giornata non mi stanco mai, e ricambio sempre!
    😉
    Smuack
    ;*

  6. Come i predecenti, questo è un file impeccabile. Un crescendo di tensione che si avverte sin dalle prime righe. Con il culmine sul finale ed un distacco, quasi cinico ma perfetto, nelle ultimissime frasi, che pone un accento marcato sul testo. Complimenti sinceri. In questo frangente ti avvicini molto a King: e non è da tutti!

    Ambra

  7. @D3SY

    Vedi sempre il giusto quadro della situazione, eh?!
    😉
    La prospettiva che si presenta è proprio quella che descrivi… ma chissà..
    Tanti bacioni per te!
    Moltiplicati per tre!
    ^____^

  8. bravo bravo bravo…. la scena della casa vista dagli occhi di Rowena è magnifica, è scritta come se ripresa con una telecamera, sembra quasi di sentire il sospiro affannato della donna che vaga per la casa con quel senso d’inevitabile impresso dal suo istinto.
    ti applaudo e ti mando un bacio, caro key!

    Antonella

  9. @bastapoco

    Grazie grazie grazie…
    ^_____^
    Perlomeno non punti il dito anche tu sulla dipartita dei personaggi di questo file
    ;-P
    Scherzi a parte, mi è molto prezioso il giudizio che hai espresso!
    Un bacissimo per te!

  10. @luce57

    Non intendevo metter di certo in dubbio la tua capacità di lettura!
    ^__^
    ma, vedi, come affermi tu stessa parlando di autori di libri, se tali sono, significa che appartengono alla categoria riconosciuta di scrittori.
    Io che libri non ne ho pubblicati, rimango uno scrittoruncolo di blog.
    Con pregi e difetti..
    ^___^

  11. @Faus74

    Il brano, che per me resta una indiscussa ballata degna di nota, molto pericolosa per le tue orecchie se le acchiappa, è dell’unico e solo duca bianco della musica internazionale; David Bowie.
    Buon week-end a te, druido
    😉

  12. @luce57

    Sul fatto che il tuo commento volesse essere un complimento lo avevo capito bene..
    ^__^
    Sulla questione di pubblicare… che risponderti?
    gli autori, spesso, han bisogno di editori che vi credano, no?
    😉
    e, comunque vadan le cose, pubblicare un libro è una strada tortuosa e lunga..
    altro non dico; top secret!
    🙂
    Buonissima notte a te!

  13. @anneheche

    Si.. parrà strano, ma piace anche a me!
    ;-P
    … e intanto sto finalmente sfogliando il signor King. Cominciato con la nebbia.
    ^__^
    Io so cosa hai votato.. ma non lo dico!
    😀

  14. @anneheche

    Forse ti è sfuggita la raccolta di cui fa parte (consigliatami da Faus74); Scheletri.
    E’ il racconto più lungo, quasi 140 pagine, e famoso dell’antologia.
    Sinceramente non mi ha fatto impazzire. Ma lo stile è sicuramente impeccabile e ricco di suspance.
    😉
    Dopo di quello passerò a Il Miglio Verde, preso stamattina..
    ^___^

  15. @anneheche

    Non voglio immergermi nell’horror puro.
    Non mi va granchè.. Prediligo la suspance.
    Ho scelto Il Miglio Verde anche per quello..
    ^__^
    IT non avrei il tempo di leggerlo in questo periodo con le sue 1200 e passa pagine. Ma so che è considerato il suo capolavoro.
    Le Notti di Salem, invece, è disponibile solo in versione de-luxe, attualmente, appena torna in economica è in cima alla mia lista con Stagioni Diverse (per il motivo scritto inizialmente), Shining e una manciata di altri. Compresi quelli che segnali anche tu..
    🙂

  16. Non ti è piaciuto “La nebbia”?
    De gustibus,sarà che io rimasi molto colpito dal film Zombi,quello del centro commerciale.
    Una fuga verso la vita,che vita non ce n’è 🙂

  17. @Faus74

    Nono.. non ho assolutamente scritto questo. Ho solo espresso che non mi ha fatto “impazzire”, non che non mi sia piaciuto!
    Sino a metà, o giù di lì, al giungere della prima notte nel supermercato, è favoloso.
    Poi, a mio modesto parere soggettivo, si lascia troppo avvolgere dallo “splatter”.
    Ma la media rimane più che buona fino alla fine.
    Per me rimane valida la vecchia “teoria” delle curve femminili: la lingerie è estremamente sensuale, il nudo sbattuto in prima pagina, perde.
    Un racconto è come una bella donna rigogliosa di curve da scoprire.
    😉

  18. @gemmalove

    Certo che mi piace!
    Ha tutti i numeri per ritrovarsi al posto che occupa; talento, bella voce, splendido corpo, sensualità.. no, non soltanto per il motivo che ti ho accennato..
    ^__^

  19. rieccomi! Scrivi molto bene, ma produci anche libri immagino! Ottimo racconto, per ambientazione, descrizione, suspence. Scrivo anche io prosa, è stato il mio trampolino di lancio, eppure al momento, per vari motivi, è la poesia cio’ che maggiormente mi attira.
    Grazie dei tuoi post, un saluto

    Buona domenica

  20. @eufemiaG

    Per ora sono pubblicato, su carta, nell’antologia del concorso di emozioni che vedi nella colonnina di lato del blog. A livello narrativo.
    Ringrazio io te per i graditi complimenti
    e mi auguro di rivederti prestissimo.
    Una buonissima domenica a te!
    ^__^

  21. @Dreamt

    Mi trovi sempre qui, tigrotta..
    😉
    La notte è stata buona, il mattino anche, ritrovandoti nei commenti..
    ^____^
    Ringrazierò da parte tua il cetriolone verde..
    ;-P
    Bacissimi per te!
    ;***

  22. Noto con infinito piacere che la tua tenacia, ma il merito và sicuramente alla tua indiscussa bravura , ti hanno premiato superando la soglia dei 100 … a volte penso che mi basterebbe essere 1/4 della tua bravura … buona domenica carissimo amico Alberto…

  23. Un uso simbolico del colore, quasi sinestesico, caratterizza fortemente il testo…il nero (colore del Pitt Bull Cheyenne e della governante Rowena) ed il rosso (il colore del loro sangue lasciato però all’immaginazione del lettore)…rimandano ad altro.
    Ottimo!!!

    Purtroppo non mi è stato ancora possibile leggere i files precedenti ma conto di farlo appena possibile!!!
    🙂

  24. @diabolika67

    Dipende sempre da come quantifichi i commenti. Se prendi questi cento, devi dividerli sempre per due; poichè, per mia scelta e cortesia, voglio rispondere direttamente a tutti..
    ^___^

  25. @Muirgen

    Un’analisi perfetta che lascia a bocca aperta, la tua. E’ davvero un piacere poterti ospitare tra queste colonne.
    E spero avrai presto occasione di leggere quello che ti manca.
    Una splendida domenica sera a te.
    ^__^

  26. Sta tranquillo, stampo solo per uso personale, in verità mi rilassa leggere prima di addormentarmi,che poi alla fine leggo per ore intere e arriva l’alba.
    MI piace moltissimo il tuo stile e il modo con cui lo narri, spero di cuore che riuscirai ad avere il giusto successo, te lo meriti.
    una carezza
    katia

  27. Mi sono finalmente aggiornata di tutti i file!!! Questa storia mi piace sempre di più…sarò retorica ma è così!
    mamma mamma…l’idea di un assassino nascosto in casa mi fa venire i brividi anche se qui da me ai signorini non converrebbe…

    Un bacione lunediano!! ;**

  28. @Katherjne

    Deve essere un’esperienza interessante quella di riuscire a leggere sino al sorgere dell’alba..
    ^__^
    Spero allora di tenerti, quando lo farai, sempre un’ottima compagnia!
    Una carezza a te..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.