Esdy2 • passo 6 di 22 – In nome del padre

The image “https://i1.wp.com/img413.imageshack.us/img413/2770/esdy6axv2.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.

La sua infanzia ed adolescenza non erano state all’insegna dei giochi femminili. Le bambole ed i videogames, soppiantati dalla lotta con i ragazzi. Le ricette della cucina, dalla musica rock di Alanis Morissette. Il riso ed il pianto, la sensibilità e la dolcezza, sostituiti dal pragmatismo e dalla grinta.
Esdy poteva essere considerata a tutti gli effetti un “maschiaccio”. Non per scelta o per tendenze caratteriali. Ma per un giocoforza derivato dalle compagnie maschili con cui si trovava a convivere, da una carenza negli affetti famigliari persino macroscopica. Sensibilità e dolcezza non erano assenti dal suo animo. Però la sua capacità innata di carpire la verità le rendevano peculiarità adatte ai sognatori.
E la ragazza dagli occhi verdi sognava soltanto la notte.
La praticità le venne in soccorso quando il gruppo di uomini armati ed in muta da combattimento assalirono la baracca del lunatico.
Non gridò. Comprendendo all’istante che qualsiasi passo falso si sarebbe potuto rivelare fatale per lei ed il padrone di casa. Nonostante i battiti del cuore le arrivassero alla gola minacciando di mozzarle il respiro, la preoccupazione maggiore consisteva nell’interrogarsi sulla possibile reazione dell’imprevedibile personaggio insieme a lei.
«Ih, Ih, Ih…. guerra! guerra!…. Ih, Ih, Ih…. gli stupidi soldati con le stupide armi vogliono spaventare le onde del mare!»
ridacchiava divertito il lunatico, improvvisando una danza claudicante volteggiando su se stesso. Gli uomini in passamontagna erano in quattro. Uno teneva d’occhio la retroguardia, la porta principale da cui si erano riversati. Il secondo stava a pochi passi da Esdy, tenendola sotto tiro. Il terzo stava di lato al primo che, a sua volta, osservava con attenzione i movimenti scomposti ed apparentemente irrazionali del padrone di casa.
«Portatela fuori… di questo qui me ne occupo io…»
annunciò infine il primo invasore del gruppetto.
«No! Non fategli del male… è innocuo….»
provò ad azzardare la giovane di Rosslare, mentre già veniva spinta all’esterno da due dei quattro.
Sulla spiaggia si stava preparando una tempesta. Il vento sferzava le onde sollevando la sabbia in cumuli e mulinelli irregolari. Il sapore che saliva alle narici era umido, narrava di posti lontani. Di sapori trasportati dal soffio irrequito degli elementi in collera. Le folate avevano disperso in cerca di riparo le poche persone ancora presenti sulla riva.
Nessuno si era reso conto dell’accaduto.

The image “https://i0.wp.com/img373.imageshack.us/img373/3421/esdy6bak0.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.

Il fragore del maroso assordava senza sconto alcuno. E capire cosa stava avvenendo dentro la baracca risultava un quesito irrisolvibile.
Cinque minuti più tardi (o forse meno, non avrebbe saputo dirlo colta dall’ansia degli eventi), quello che si presumeva fosse a capo della squadra, fece la sua ricomparsa all’esterno.
Sotto il braccio il quadernone in pelle.
Indossava un passamontagna con un cerchio scuro di stoffa sulla fronte, a differenza degli altri. Probabilmente per differenziare la sua carica rispetto ai sottoposti. Da quello che traspariva, il suo fisico sembrava il più robusto. Nonostante il camuffamento della muta.
Fece un cenno interrogativo verso uno degli altri tre che gli rispose quasi all’istante «Il mezzo di recupero è a due minuti da qui…».
Quindi si rivolse ad Esdy.
«Ti avevo avvisata… pregata di lasciar perdere, l’ultima volta che ci siamo visti. Ma la tua testardaggine nell’inseguire il passato sembra più alta del tuo istinto di conservazione, ragazza….»
Si tolse il passamontagna e, oltre al viso contrariato, evidenziò la cicatrice a forma di uncino sotto lo zigomo destro……………

Autore: Keypaxx © Copyright 2007. Tutti i diritti riservati.
Immagini elaborate dalla rete.

Annunci

93 risposte a “Esdy2 • passo 6 di 22 – In nome del padre

  1. Sono rimasta davvero impressionata sai? La “vendetta” del mare, pare guidata dal Lunatico… dicevo io che questo personaggio ha qualcosa di molto speciale! E poi il ritorno dell’uomo con la cicatrice… strano, eppure l’aveva lasciata andare la prima volta…
    La descrizione dell’infanzia Esdy è molto simile alla mia sai? Avrei voluto essere un maschietto da piccina, ricordo che odiavo sia le bambole che le Barbie, preferivo il trenino e le macchinine!

    Buona giornata Alberto…
    ;-***

  2. L’immagine del mare in tempesta è bellissima!Sai sempre trovare le giuste immagini per i vari stati d’animo…e così questa volta Esdy non ha scampo…almeno fin quì!
    Bacione e buona giornata!
    ^____^

  3. Niente Feed? Pazienza.

    Cmq, lo scopo dei feed è quello di consentire a coloro che se li “registrano” di sapere se e quando il blog viene aggiornato. Con un lettore di Feed (google reader, netvibes, etc etc) è possibile seguire tutti i blog/siti preferiti con il minimo sforzo… 🙂

    Gloutch

  4. #1
    Dreamt

    L’aveva lasciata andare, “l’uomo con la cicatrice”, vero. Ma l’aveva anche avvisata di lasciare perdere, scoraggiandola con forza.
    Credo che la descrizione di Esdy possa suscitare diverse simpatie.
    A me piace..
    ^_________^
    Buona giornata a te!
    ;***

  5. #3
    ceinwyn

    Le due immagini piacciono moltissimo anche a me, entrambe. Le trovo molto appropriate..
    🙂
    eh si, vedremo se e come se la caverà, la nostra irlandesina..
    😉
    Bacione per te!
    ^_____^

  6. Un breve flash-back di Esdy, direi molto piacevole. Una premessa sulle sue abitudini passate, che poi portano il lettore sulla scena d’azione. E’ ottimo come inizio post!
    La descrizione dello scenario all’interno della baracca, poi che fai?
    Un passo poetico su ciò che avviene all’esterno, sulla natura degli elementi…
    Poi…ancora curiosità mista a suspance, visto che l’uomo con la cicatrice si è rivelato alla begnamina della storia.
    1) Secondo me il Lunatico rivelerà nei prossimi post ciò che sa fare.
    2) Key…come mai hai scelto una donna come protagonista della storia?
    3) Il post termina con l’amaro in bocca, come è giusto che sia. Portando me, semplice lettore, a proseguire a leggere perché sono curioso!
    P.S.
    Segue la linea degli altri post, sempre intrigante.
    Complimenti, Key…

  7. #18
    Saryo

    Ma che bel commento!
    🙂
    Mi hai fatto tornare alla mente la descrizione che diedi ad un amico, tempo addietro, riguardo ad un mio racconto, inedito per il blog, e partecipante ad un concorso. In sostanza glielo descrissi in chiave musicale. Più o meno lo stesso schema che vedi tu qui..
    1. No comment. Sul personaggio che, a quanto pare, tanto è piaciuto, non mi sbilancio. Si vedrà ancora, ma non dimentichiamo che non è comunque lui il protagonista..
    2. Mi piaceva pensare ad una persona sensibile e profonda, ma che sapesse anche mostrare grinta e volontà.
    Caratteristiche tutte riscontrabili in una donna, con maggior difficoltà in un uomo.
    E poi mi piacciono le sfide; descrivere minuziosamente una donna secondo l’ottica di un uomo. Questo non è mai semplice.
    3. Questa è una mia caratteristica per i racconti in più parti. Sia che siano di dieci o di cento pagine.
    Grazie!
    ^_____^

  8. una natura in tempesta per narrare una tempesta interiore, come se il paesaggio , lo Spazio fosse al servizio delle sensazioni forti e davvero magistralmente orchestrate!!
    sempre piu’ intrigante!!
    chicca

  9. Le immagini sono sempre azzeccatissime… Denoto un grande amore per il mondo anglosassone, le scogliere e il mare in burrasca. Paesaggi così distanti dal nostro vissuto, ma non per questo meno affascinanti! Buona giornata Keypaxx.

  10. ormai faccio come con le serre TV… mi becco due episodi alla vota… e devo dire che è piacevole, ci si immerge ancora di più nelle atmosfere suggestive che sai sapientemente ricreare nei tuoi racconti.
    povero il mio “lunatico”, però…
    del resto sono sempre i migliori che se ne vanno… quindi… vado…eh eh
    bacio key

    Anto

  11. Il lunatico che dice: “Gli stupidi soldati con le stupide armi vogliono spaventare le onde del mare”.
    Ed ecco che il mare, come chiamato, si risveglia quasi a ristabilire la giustizia. Anche il diario fu portato dal mare. Che se lo riprenda il mare?
    Bravissimo come sempre.

  12. #24 e 25
    bastapoco

    Allora alla fine ti dovrai fare il cofanetto con i DVD!
    😀
    Sulla sorte del lunatico, ne sapremo di più tra un passo o due.
    Ok, se vai tu… tra poco vado anche io!
    😀
    Bacio..

  13. sognava solo di notte…. non ha avuto insegnamenti sulla femminilità ma dentro..ohhhh sì dentro sente eccome!! Una donna forte e anche in un momento del genere si preoccupa che non venga fatto del male al signore lunatico (adoro questa creatura un misto fra un angelo e un esperimento….) ed ecco…che il passato ritorna…..attendo emozionata che tu prosegua non ho domande da farti e forse non commentato a modo ma è quello che ho capito e percepito stanotte leggendoti
    un bacio
    monica

  14. #31
    Faus74

    Una persona non è un assassino fino a che non viene trovato il corpo del cadavere… poi, chissà, il corpo può essere pure dietro l’angolo. O nascosto dentro una catapecchia..
    ;-P

  15. Ciao! Ti rispondo anche qui oltre che sul mio blog: il latte di mandorla siciliano si trova…. in Sicilia! Vendono dei panetti di pasta di mandorle da sciogliere nell’acqua con l’aiuto del frullatore. Se vai in Sicilia è d’obbligo provarlo! Ciao e complimenti per il blog.

  16. ho letto ugualmente il brano pur avendo lasciato indietro quello precedente, poiché sono rimasta affascinata dall’immagine… quanto alla tua capacità di scrivere, sei davvero bravissimo e ammirata ti leggo.

    Complimenti, spero che ne farai un libro, merita!

    Buon week end

  17. Ma non si potrebbe avere una versione benevola di Capitan Uncino?
    Ennò. Nessuno che aiuti Esdy nella sua ricerca… non è molto equo.
    Ehm… è già la seconda volta che ritorna il tema del mare…
    un chiodo fisso del Lunatico
    o una chiave di lettura?

    Baci Baci Baci ^___^

  18. #48
    eufemiaG

    Molto suggestiva la tua immagine..
    Farne un libro..? chissà..
    per ora l’editoria è quello che è: scompartimenti chiusi davanti e dietro.
    Ma forse, in un futuro non tanto remoto..
    Uno splendido fine settimana a te!
    🙂

  19. #49
    D3SY

    E’ una ragazza tosta.. se la saprà cavare anche così (forse), per ora..
    (si notano tutti i depistaggi..? ;-P..).
    Il mare è una peculiarità imprescindibile in questa fase del racconto: del resto.. sono in spiaggia!
    😀
    Bacissimissimi per te, stella..
    ^_____^

  20. #50
    Dreamt

    Giocare con le pistole cariche non è troppo pericoloso… se si tiene l’arma dalla parte del manico. Non so però, questa volta, da che parte girerà la canna..
    Felice fine settimana, tigrotta..
    ;***

  21. Complimentissimi Key, altro bel capitolo da aggiungere alla storia.

    C’è da dire che questo passo mi sta prendendo parecchio…Continuo a pensare a cosa può succedere: ho come la vaga impressione che dietro ci sia altro, provo a spiegarmi per non risultare banale visto che è normale che ci sia altro 😛
    Ho l’impressione che il lunatico ci sarà ancora. Non so perchè ma non mi aspettavo che rimanesse fermo ad aspettarli, quindi sono quasi certo che c’è dell’altro: una relazione fra il “lunatico” e l’uomo con l’uncino. E l’uomo con la cicatrice credo che lo abbia lasciato in vita. Perchè oltretutto questa impressione? Non ha descritto alcun rumore provenire dall’interno…
    Sarà.. può avergli spezzato l’osso del collo senza fare grossi rumori.. ma non me lo toglie dalla testa nessuno questo “presentimento”..

    p.s. Sicuramente mi sbaglierò, ma è simpatico il fatto che ci siano dietro numerose variabili impazzite da considerare e che le combinazioni (essendo pari ad n! O_O) sono moltissime..

    Ciau KeypaZZ, buon fine settimana!

  22. #59
    Arsek

    “Può avergli spezzato l’osso del collo..”
    perbacco, che violenza!
    O__O
    Ma è vero, si.. potrebbe anche essere.
    Ma dimentichi che, il rumore del mare accanto, può avere attutito anche altri rumori ben più clamorosi. O la semplice lama di un coltello affilato.
    Lieto fine settimana anche a te!
    ^___^

  23. E’ un’esplosione di natura questo post: la natura giovanile di Esdy, la natura del Lunatico che stravolge le attese altrui, la natura che si infrange contro gli scogli della spiaggia. E mentre restiamo in attesa della sorte del simpatico personaggio che affianca la protagonista da qualche post, non ci rimane che gustare l’ennesima prova di bravura della tua penna e del tuo estro.
    Come sempre, ammirata.

    Ambra.

  24. Non ho dubbi che Esdy abbia la determinazione per cavarsela anche da sola… ehm… come non ho dubbi che da de te non si riesca a cavare
    un ragno dal buco.

    Bacissimi a Te ^__^

  25. Molto carino il collegamento con l’Esdy più piccina, ti fa sentire ancora più vicino al personaggio…e la storia prosegue ricca di colpi di scena (io non mi aspettavo il ritorno dell’uomo con la cicatrice). Speriamo che il Lunatico non sia stato eliminato, mi spiacerebbe..insomma: bello come sempre e di più!
    ^^

  26. sai, c’è stato un periodo della mia vita che pur di sapere chi mi aveva portato via mio fratello…ero disposta anche ad annientare me stessa…poi una notte feci un sogno…lui mi ha svelato il segreto e in quel sogno gli promisi di provare a “conservare me stessa e la vita che comunque ora devo vivere anche un pò per lui…”

    Key scusami ogni tanto mi lascio andare si vede che sto bene in questo tuo “casolare”…
    un bacio e buona domenica
    monica

  27. Vedo kevin spacey che va in bici come in american beauty e altre sue fotografie…è uno dei miei attori preferiti e con Seven e L.A. confidential ha dimostrato di essere uno bravo, uno che si impegna intendo per recitare, non uno che si specchia nella telecamera.

  28. #71
    monicamarghetti

    Non hai nulla di cui scusarti, lo sai bene, Monica..
    qui sei sempre la benvenuta. Con le tue riflessioni, le tue risa ed il tuo cuore.
    Mi auguro che il mio ‘casolare’ sia sempre accogliente come lo trovi ora.
    Un bacio domenicale per te ed un sorriso!
    ^___^

  29. #75
    tristantzara

    Benvenuto sulle mie colonne!
    ^__^
    si.. Kevin è uno che ci sa fare davanti alla telecamera. Lo metto a fianco di Pacino e De Niro. Ma con un’espressività che loro hanno in misura minore..

  30. Si si è claro, avevo pensato appunto ad un coltello o come hai ben ricordato, alla rottura dell’osso del collo.. ma, ripeto, a me sembra strano che nessun rumore sia uscito fuori. Del resto se avesse voluto ucciderlo non avrebbe perso 5 minuti di tempo come descrivi.. poi boh.. sarò io a cercare il pelo nell’uovo eh! 😀

    In ogni caso, anche se l’ha ammazzato, la storia di un possibile legame fra i due (il lunatico e lo “sfregiato”) non me la leva dalla testa nessuno..

  31. allora letto ieri appena tornata, ma troppo stanca per commentare:
    mi è piaciuto molto il ritratto “psicologico” abbozzato di
    Esdy… senza eccessive sbavature ed incisivo.. la scelta delle immagini è ottima….
    l’immagine del mare furisoso lascia presagire che qualcosa nel post successivo avverrà o è in procinto di accadere…..

    ciao moon _ ello sono tornata!!!

  32. #91
    goodnightmoon88

    Il “ritratto psicologico” della protagonista è infatti importante, a questo punto della storia..
    Le immagini di questo post sono tra le mie preferite..
    ^____^
    Bentornata, ‘mOOn_ella.. non farmi più stare in pena, eh!
    😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...