Fede • atto 16di17

“Le tribù ugre hanno portato dall’Islanda lo spirito combattivo conferito loro da Thor e da Odino, e di cui i loro guerrieri furibondi, Berserkers, han dato prova, con tanta selvaggia furia …al punto da far credere alle genti che fossero calati i lupi mannari stessi.”

Rintronava l’eco, deflagrando il vuoto delle navate e protraendosi all’infinito. Federica volse il capo di scatto, nei punti in cui il suono si affievoliva. Consapevole, nonostante tutto, che non avrebbe veduto nulla di fisico. Eppure riecheggiava con ostinata ripetitività, come la nota stonata sulla tastiera di un pianoforte privo di vero musicista.
Padre Samuele sentiva? Non poteva esserne certa.. eppure, il religioso stringeva le mani sino a sbiancarne le nocche, in una disperata preghiera. Con il mento schiacciato sul petto, gli occhi adesso serrati e la mascella tesa.
‘Si, probabimente “sente”.. ma preferisce non accettare questa parte..’
Le immagini si susseguivano, sfumandosi le une nelle altre.
Come parte di un unico affresco che ancora non aveva deciso il tema portante. Sfilavano figure magre avvolte in sudari bianchi, che attorniavano un corpo esile ed emaciato (sempre di spalle, Federica non riusciva a vederne il volto). Poi la scena si nutriva di tonalità cupe e tenebrose; i corpi divenivano guerrieri, che rendevano omaggio ad una scarna figura in cotta metallica, dai capelli neri come la pece e lunghi sino alla schiena. Una scintilla rosso fuoco saettava dallo sguardo nascosto.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media217aa9b45b52e33b10a73ede9950e2a9.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


“Ciò che esce dall’uomo, questo sì, contamina l’uomo. Dal di dentro, infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono le intenzioni cattive!”

E ancora voci.
Cori di voci. Che sembravano lì, sembravano giovarsi dell’eco della Chiesa. Sulla navata destra, a meno di quindici metri da lei, l’uscio che dava sulla canonica del prete, in cui era scivolato pochi attimi prima Osmand Himmerswach, la chiamava.
Le visioni lo evitavano, spargendosi ovunque, ma non davanti a quella bassa entrata.

“Ascoltateli, i figli della notte. Che musica fanno, eh! Ah, signore, voi cittadini non potete far vostri i sentimenti del cacciatore!”

«Ascoltare..? No, basta: sono stanca di sentire! Finitela! Basta! Basta ho detto!» Esclamò con impeto, sovrastando l’eco che bisbigliava intorno, scuotendo le colonne con il rombo di un tuono temporalesco.
Per un istante, un lungo istante, l’aria stessa parve tacere. Una cappa di solitudine infinita la scosse nelle fondamenta del suo essere.
‘E’ così che si sentono i matti quando le voci che hanno in testa cessano di colpo?’ Non conosceva risposte alla domanda che si era posta. ‘I matti, certo, forse sono solo una povera pazza?..’
«Io non sono pazza! Non lo sono! Avete capito??»
Sbottò quasi gridando, sfiorando con sguardo vitreo gli angoli della Chiesa. Rammentando poi che i pazzi, spesso, non ricevono alcuna replica. Un espressione beffarda le illuminò il viso. Mentre la canonica, quasi una ferita scura nel ventre di un corpo estraneo, appariva un’oasi ipnotica, Federica si avviò verso di essa…………..

Autore: Keypaxx © Copyright 2008. Tutti i diritti riservati.
Immagini elaborate dalla rete. Sono © dei rispettivi organi o persone aventi diritto.

Annunci

109 risposte a “Fede • atto 16di17

  1. Attendevo con ansia questo tuo nuovo atto. E come sempre non ne sono rimasta delusa. L’aspettativa di quello che deve accadere è altissima. Fede ora dubita anche delle sue stesse percezioni con queste voci che la tormentano… entusiasmante!

  2. Questi cori di voci la avvolgono come in un sudario si appiccicano e sono cornice del tuo splendido racconto ormai alla fase finale ma che lascerà di sicuro il segno.
    Ciao Annabella.

  3. Raggiunti e letti tutti!! *_*
    Quindi una Fede non credente ma che prima o poi dovrà accettare il grande dono di cui è stata dotata..
    Bellissimo!!! *_*

    PS: Anche se con un po’ ritardo volevo augurarti una splendida settimana! ^__^
    Baciottolonzolo!!

    PS2: Finalmente ho una tesi su cui lavorare!!! Evvai la fatina che si mette al lavoro tosto!!!

  4. #5
    monicamarghetti

    ..I matti senza la patente per camminare,
    i matti tutta la vita, dentro la notte, chiusi a chiave.
    I matti vanno contenti, fermano il traffico con la mano,
    poi attraversano il mattino, con l’aiuto di un fiasco di vino…

    Cantava De Gregori.
    L’atto finale si svolgerà infatti dentro la canonica della Chiesa. Qui avremo le risposte, speriamo per Federica..
    🙂

  5. #7
    FataZuccherina

    Ebbrava la fatina!
    ^__________^
    La nostra Fede(rica) dovrà infatti affrontare il momento della verità!
    Buonissima settimana anche a te, fatina, e buon lavoro per la tesi!
    Bacionzoli fatosamente fatati..
    🙂

  6. laconica in canonica fede attende la parola di un dio. Chi fa orecchie da mercante non è sordo e fede può trovare una fede che non crede di avere?Un miracolo o solo un sipario che cala sulla scena già vista?diavolo di un dio….

  7. Non è pazza, ne sono sicura!
    Certo sentire le voci mette addosso un po’ d’ansia! Poi ti racconterò una cosa…così deciderai se restare ancora mio amico…eheheheheheh!
    Sono sempre più curiosa di sapere come andrà a finire…
    Sei bravissimo Key!
    P.S. Quando puoi, passa da me.
    Vorrei sapere tu, come la vedi…

  8. #21
    ioepapperina

    Il sipario calerà di sicuro, ma soltanto perchè il prossimo è l’atto finale. E mi sento di garantire almeno questo. Che Federica divenga Fede definitivamente, in abbreviato e religiosamente parlando, lo vedremo tra una danza di un Diavolo e un Dio..
    🙂

  9. #22
    monicamarghetti

    Monibizzarra..?!?
    🙂
    so che ce ne sono tante che convivono in te. Ma non mi turbo. Chi si turbava era Roberto Benigni in un suo vecchio film: “Tu mi turbi”, oper ad episodi. Durante Cristo: il pastore Benigno vigila su Gesù bambino mentre Giuseppe e Maria sono a cena da amici. Angelo: Benigno in smoking cerca disperatamente il suo Angelo Custode che l’ha abbandonato e che poi è un’Angela.
    Siamo, insomma, sempre in tema, Monichella.
    ^___________^
    P.S.
    Ma non la hai ancora soppressa monifolle??
    o___O

  10. #23
    pattychiari

    Serata di voci e vocine, questa..
    🙂
    Rabbrividiamo, orsù, rabbrividiamo mio fedele pubblico!
    ;-P
    Come andrà a finire lo sapremo nel diciassettesimo atto, Patty. Se la matematica mi aiuta.
    Appena potrò passo da te.
    Un abbraccione per l’intanto e per il dopo.
    ^_____^

  11. non posso sopprimere monifolle però posso sedarla con un potente sonnifero ma lei è diabolica nonostante il viso angelico….e so che farà restistenza ma io ho fede che prima o poi mi lascierà vivere
    buona giornata
    alieno adorato
    monica

  12. #30
    lavigneavril

    Ogni racconto ha la sua giusta conclusione. Sia esso lungo o corto. Credo che diciassette post possano rappresentare una lettura mediamente impegnativa, per la rete. Infatti in molti disertano, o semplicemente non leggono, le storie a puntate. Un peccato. Credo che chiunque ne possa giovare dalla lettura… senza pretese esagerate, chiaro.
    🙂

  13. Corro qui per augurarti un fine settimana di sole nel cielo e nel cuore, e trovo un vociare sinistro che si impone e che non può fare a meno di essere ascoltato, visioni da interpretare, fantasmi che sanno di realtà contro cui scontrarsi per far vincere la ragione…
    Nelle tue descrizioni mi appassiono sempre di più Key, mi piacciono le intuizioni che non rischiano mai di rendere anonimi i particolari. Quanto alla storia, col fiato sospeso in attesa dell’epilogo…

    Ti abbraccio forte, continua la mia felicità, sempre più grande…grazie della tua vicinanza e delle parole..
    Futuro in costruzione Key, è difficile vivere, ma è così bello..

    Bacioni, Eli

  14. #31
    monicamarghetti

    Anche le folli ribelli hanno un loro personale punto debole.. basterà individuarlo e solleticarlo a dovere..
    ;-P
    Un bacio per te, Monichella dal cappello color del sole..
    ^______^

  15. #32
    fantasia972

    E’ uno dei miei atti preferiti, questo. Proprio per il vortice tra realtà e irreltà che hai avvertito anche tu.
    Comunque, un po’ di sana pazzia, non fa certo male!
    Un abbraccione!
    ^_____^

  16. #33
    catwomandark

    Si, abbiamo avuto un escalation delle voci percepite dal “senso sciocco”. Giungendo al culmine proprio sul rush finale. Un finale che godrà, come ho già scritto, di una lunghezza doppia rispetto alla media..
    🙂

  17. #35
    scatto75

    Sono io a ringraziare te. Il significato dei fiori mi piace molto, e non conoscevo quello dei tulipani. E’ stata una gradita sorpresa scoprire che, un tulipano giallo, è un grandioso sorriso regalato..
    ^____^

  18. #38
    elilaw

    Un’analisi sempre diretta eppure esaustiva la tua, Elisa. Hai una capacità interpretativa che supera la media, e non sbagli un colpo. L’epilogo darà infatti concretezza alla lunga notte di Fede, e spero potrà piacere come è piaciuto a me scriverlo..
    😉
    Per il resto, che dirti; oggigiorno la vita è dura per tutti e non è affatto facile costruirsi un’avvenire da soli o insieme alla persona amata.
    Ma ho fiducia in te: il tuo saper affrontare le avversità numerose che hai attraversato, il tuo non fuggire davanti agli ostacoli che ogni rapporto pone sul sentiero, ti rendono una giovanissima ricca di personalità da fare invidia a persone molto più, sulla carta, mature.
    Ma che non matureranno forse mai.
    Vivere è anche soffrire.
    E le sofferenze sono, in alcuni casi, sterminate.
    Ma sono parte della vita e non affrontarle… non sarebbe vita.
    Un abbraccio ed un bacio forti per te!
    ^________^

  19. Ti regalerò un tulipano.
    Per quando arriverai lo troverai.
    Sarà rosso che non è il mio colore
    come tu sicuramente ricorderai.
    Ma sarà color del cuore
    perchè è lui a cantar l’amore.
    Ti regalerò un tulipano.
    Per ogni minuto, ogni ora,
    ogni giorno ancora…

    Oggi mi è stato insegnato il significato
    del tulipano giallo…il sorriso.
    Lascio qui un sorriso a chi lo coglierà…

  20. grazie io sono passata per augurarti la buona serata e ho letto il gentil pensiero che ci hai regalato sei dolce io intanto raccolgo il mio e vedrai che altre tue amiche affezzionate lettrici prenderanno con gioia il tulipano che hai confezionato per tutte noi!
    grazie ancora
    monica

  21. La pazzia… spesso me lo sono chiesta, se si trasforma in voci. Insistenti, ripetute, quasi a farti credere ciò che loro vogliono…
    Un passo ancora, nel tuo cammino verso la Fede.

    Rosso è il mio di colore, oltre al nero ovviamente. Il girasole uno tra i miei fiori preferiti. Ma il sorriso, quello lo prendo e ne regalo uno a te.

    Notte Alberto.
    ;-***

  22. #47
    Dreamt

    I folli dicono di sentirle, le voci. Oltre a vedere cose che non ci sono nella cosiddetta realtà. Ma sono convinto che, una punta di pazzia, leggera o estesa, la abbiamo tutti dentro.
    😉
    Un felice giorno a te, tigrotta..
    ;***

  23. #58 e 59
    lavigneavril

    Certo. I tulipani gialli sono lì a disposizione con i loro sorrisi..
    ^_____^
    Ormai posso farci un book con tutte le immagini di Avril che, gentilmente, hai postato..
    🙂

  24. #63
    emerenz

    Ragione e follia scorrono lungo binari paralleli. A volte finiscono per intersecare, l’una nell’altra. Ed in quel momento la deflagrazione conseguente è un botto da osservare con attenzione..
    Un felicissimo week end rinnovato anche a te!
    ^_____^

  25. Un lampo, un flash, e le risposte che non arriveranno dalle “voci”, o meglio non da quelle, ma dalla trasposizione delle stesse attraverso noi stessi: le risposte sono dentro noi stessi, ed è quando le si lascia libere che, improvvisamente, ci appaiono chiare…
    insomma, mi sembra di sentire lo stridere degli specchi sui quali mi arrampico e dai quali sto miseramente scivolando: quando, quando il prossimo episodio che poi saranno due? :))
    Baciotti e un sereno fine settimana,
    Giulia.

  26. #71
    ventidiguerra

    Beh, perlomeno ci hai provato a dare una tua interpretazione finale. Che comunque mi risulta piuttosto consona alla trama e non stonerebbe di sicuro.
    😉
    Il prossimo atto, che comunque come ben scrivi sarà doppio, arriverà prestino.. dopo il fine settimana.
    Baciottoloni e lieto week end anche a te, Giulia..
    ^______^


  27. Velocemente…ma ci sono… solo per portarti una di quelle carezze via web che hai citato da me…
    Un caro saluto…e grazie…
    Il viaggio continua…ma con tutti voi a tenermi compagnia…
    LeAAA

  28. Caspita quanti commenti..e quante ammiratrici!
    Il tema è davvero di quelli da trattare con la sensibilità e un briciolo di conoscenza.
    Ci sono “splendidi” esempi di ossessioni e follia nel mondo della letteratura, dell’arte in genere…Ti abbraccio forte.
    QUANDO BRINDO ALLA FOLLIA
    BRINDO A ME STESSA
    (Alda Merini)

  29. #94
    xdanisx

    Tieni sempre presente, Danis, che almeno la metà sono commenti miei. Amo rispondere direttamente a tutti.
    😉
    La follia è un tema che mi affascina da sempre, nella letteratura, a partire da Mary Shelley (Mary Shelley è nata ed è vissuta nel sangue, e se è possibile usare una metafora squisitamente romantica, ha scritto con il sangue. Non il flusso vitale e furioso della vita, ma piuttosto un rivolo scuro, raggrumato, il rivolo che scivola via dal corpo e che conduce verso la morte.Patrizia Carrano.) e della sua tragica creatura Frankenstein.
    Un affettuoso abbraccio anche a te!
    🙂

  30. Federica non è pazza,questo è sicuro,ma sta succedendo qualcosa fuori dal normale e ci credo che è spaventata!
    Bene…ci siamo quasi..la fine è quasi arrivata!
    Buona domenica alieno! ^____^

  31. #100
    ceinwyn

    Difficile stabilire il confine tra normale e anormale, ragazza oscura. Chissà cosa davvero si scatenerà in quella canonica?
    Lo sapremo prestissimo.
    Buonissima serata a te!
    ^_______^

  32. Mi piaci perchè non ti ripeti mai, nn scrivi mai niente che tu abbia già scritto e sei un vulcano di idee.
    Ma questo racconto in particolare, forse è un po’ troppo mistico per me.
    Aspetto con ansia il ritorno di prot e nel frattempo (quando nn latito) leggerò i tuoi pagliacci ( e gira gira mi sa pure che mi toccherà ripassare la faccenda dell’alieno) 😉

  33. #106
    soulsmirror

    Un racconto “mistico” che si preannuncia tale sin dal titolo. Sebbene con un piccolo gioco di parole..
    Per il non ripetermi, si.. cerco sempre di esprimere qualcosa di diverso. Che possa poi piacere o meno, lo trovo secondario.
    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...