14/06/09: dal diario di Prot

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media9154998c3d4d0ffc2ab8ab231c45f19d.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.


Hanno dubitato di ogni mia parola i terrestri. Ho reagito in modo inaspettato ad ogni loro tentativo di farmi apparire uno di loro.
Non è servito dimostrare che una settimana di terapia con 300 cc di torazina al giorno non davano alcun effetto.
Non è servito risolvere il problema delle stelle binarie che ogni scenziato terrestre si è dimostrato impreparato ad affrontare.
Non è servito rendere inefficaci i loro tentativi di ipnosi indotta. E non è neppure servito allontanarmi verso il Nord per poi ricomparire nella mia stanza, come promesso.
Ho appreso questo della natura umana: è una civiltà che pone il seme del dubbio davanti al loro stesso interesse. Mark, il mio dottore, ha cercato di mostrarsi imparziale, di dare precedenza alla scoperta della verità.
Ma cosa ci può essere di vero nel dubbio?
Per lui ero principalmente: “Il malato più convincente che mi sia mai capitato”. Nella loro affannosa ricerca di basi logiche, tendono a svilire i tanti segnali che sono a portata di mano. Preferiscono rimandare al domani quello che potrebbero già comprendere oggi.
E quando il domani finalmente arriva, le opportunità sono ormai scomparse. Forse ora, che avranno ricalcolato e rivalutato tutte le prove che avevano già in mano, che l’oggetto del loro dubbio è sulla strada di casa, forse, ora avranno compreso che l’universo è una enorme e meravigliosa occasione priva di dubbi.
[chiusura file -click-].

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediaa05e68380398ea2bcae1d0ea4498bc98.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.

Autore testi: Keypaxx © Copyright 2009. Tutti i diritti riservati.

152 risposte a “14/06/09: dal diario di Prot

  1. *************************************************

    Prot riprende la via dello spazio verso il suo pianeta dalle non-regole,
    dove non esistono legami familiari, non esistono leggi,
    non c’è bisogno di polizia, carceri o altri strumenti coercitivi.
    Dove ognuno ha in sé la distinzione del bene e del male.
    “…Poi giunse il raggio di luce che mi prelevò.
    Inizio e fine di questo diario.
    Lasciai domande, lasciai il desiderio di trovare delle risposte.

    *************************************************

  2. ora comprendo perchè mi è tanto “familiare” Prot:) forse siamo sullo stesso pianeta dove ognuno “è” e non esistono domande a cui dare risposte, perchè semplicemente “siamo”…e siamo consapevoli di “essere”! non esistono domande a cui dare risposte!
    semplicemente meraviglioso:)))
    un abbraccio di luce…
    ^__________^

  3. Sono sempre splendidi i tuoi racconti.Si ravvisa una sensibilità e un modo di cogliere gli aspetti della vita davvero degni di un alieno.
    Radiosa serata ed un buon inizio di settimana :-)Arsinoe

  4. Appare come in un sogno, il pianeta dell’alieno…
    Mentre noi, qui, alienati in una realtà che ci stritola… ci chiediamo i consueti mille perché… giorno dopo giorno, vita dopo vita!
    Non è unicamente sensibilità, la tua… è altro, qualcosa che difficilmente si riesce ad esprimere così bene con le parole!
    Sono convinta che disponi di una facoltà anomala… e forse neppure ne sei conscio… ma tutto appare come il fedele resoconto di vite precedenti…
    Un forte abbraccio
    Serenità :-)claudine

  5. La strada che porta alla verità è lastricata di indizi; essi vengono perlopiù ignorati perchè presuppongono un apertura mentale che esula da ogni tentativo di incasellamento. A volte non sono manifesti per cui il nostro radar razionale non li rileva neppure. Oppure sono talmente evidenti da far insorgere il dubbio che si tratti di una pista falsa. Seguire l’istinto e affidarsi ad esso apre infinite prospettive…..^________^

  6. Si, piccoli segnali.. lasciati lungo la nostra strada. Piccole luci fra i boschi della nostra esistenza. Ad occhi chiusi, col cuore in mano.. faro nella notte.
    Buon inizio settimana amico mio.

  7. #2
    Stefy71

    Credo che sia molto vero quello che affermi; nella sofferenza l’animo si tempra ed è costretto a scendere a patti con una moltitudine di possibilità.
    Un sorriso, compagna di compleanno.
    ^______^

  8. #4
    giuli1

    Nella fantascienza, quando viene rappresentata la classica “civiltà evolutamente perfetta”, sembra luogo comunque vederla popolata da esseri privi di emozioni, perchè non hanno più nulla da dimostrare a se stessi avendo raggiunto una (illusoria) perfezione. La rincorsa, invece, permette all’uomo di sperare e fare girare le emozioni.
    Un sorriso per un solare lunedì.
    ^______^

  9. #8
    claudine2007

    Sei gentilissima, non so se merito quello che mi attribuisci ma è indubbiamente piacevole offrire una lettura che è molto gradita a giudicare dal riscontro tuo e di quello degli altri amici.
    Un sorriso per una solare giornata a te.
    ^________^

  10. #9
    SuzieQ

    Perbacco, un ragionamento scritto inusuale dalla tua tastiera. Ma che non fa neppure una grinza. Ebbene si; l’istinto è la chiave che ci permette di non trasformarci in sterili ravanelli senza connotati.
    Un sorriso per la tua giornata.
    ^________^

  11. #10
    Johakim

    La vita è costruita sui piccoli segnali. I fasci di luce tendono ad accecare perchè improvvisi, servono solo per abbagliare e distogliere dal cammino.
    Un sorriso per una solare giornata a te.
    ^_______^

  12. *************************************************

    Messaggio per tutti gli amici che hanno ordinato o che stanno per ordinare il mio libro:

    Fiori nella Neve è ordinabile in due modi; presso le normali librerie e presso il sito dell’editore boopen (da apposito link segnalato in alto a destra del blog).

    Per quanto riguarda il metodo libreria, una premessa; non troverete il libro già esposto nelle vetrine, questo accade solo agli autori conosciuti e già affermati o sponsorizzati da case editrici molto forti (tipo Mondadori ecc.). Il vostro libraio deve ordinarlo e, per farlo, dovete comunicare in modo preciso il codice ISBN (sempre qui in alto a destra), l’editore, l’autore e il titolo.
    Personalmente ho ordinato una copia-test presso Giunti, senza alcun problema da parte dell’operatore. Naturalmente poi dipende anche dalla cortesia e dalla professionalità di chi trovate dalla parte opposta. Non sempre la politica della libreria prescelta agevola ordinazioni di questo tipo.

    Per quanto riguarda l’ordinazione attraverso il sito dell’editore boopen le modalità di acquisto sono varie; carta di credito, contrassegno, bonifico bancario, bollettino postale. Basta registrarsi al sito, in modo molto veloce con la comunicazione della propria e-mail e, in pochi passaggi, l’operazione giunge a termine.

    Molti, e vi ringrazio davvero, hanno già ordinato il libro ma non lo hanno ancora ricevuto (tranne qualche primo fortunato); dovete pazientare ancora un po’, so per certo che l’editore sta provvedendo a organizzare le spedizioni. Naturalmente, con l’e-mail di conferma e il numero di ordine relativo, nulla vi vieta di chiedere la data effettiva di spedizione (comunque prossima).

    Ringraziandovi per l’attenzione e scusandomi per il lungo commento resosi necessario da molte delucidazioni richieste in merito, vi auguro un buon proseguimento di lettura e di giornata.
    Un sorriso.
    ^_______^

    *************************************************

  13. E’ solo arroganza quel comportamento degli umani nei confronti di Prot, perché qualsiasi strada nuova fa paura e “la gente” non il singolo, la popolazione umana preferisce il dubbio alla certezza, poiché anno la certezza delle cose che conoscono e non di quello che non sanno spiegare. Come spiegano allora i 300 cc. di torazina che ti hanno somministrato senza alcun effetto? Non è meglio togliersi il dubbio con una TAC o una RMN?
    E il fatto che Prot conosca così bene l’astronomia?…il film non spiega però che la diferenza tra alieno e alienato in questo caso è minima infatti Robert Porter dopo quello che è accaduto non si è alienato, ma si è cercato un altro mondo, un altro nome, una biologia diversa: ecco alienato in quanto participio passato di alienare di escludersi dalla sua condisione e diventa Prot libero alieno (sostantivo) perché viene veramente da un’altro pianeta.
    Un sorriso.
    🙂

    P.S. forse mi riempiranno me di torazina, adesso….:p

  14. stavolta non è per te, Paxxino, ma è per Tunkulkik, perciò….descansate hombre…..
    Cri, o Prot proviene da un altro pianeta, oppure è il risultato del pensiero congiunto di esseri superiori…..

    P.S. forsse ho esagerato…..

  15. Non so se devo offendermi o sentirmi soddisfatta…….Per tastiera intendi il mio cervello? E’ mia abitudine non palesare appieno le sue potenzialità, potresti rimanere offuscato da tanta magnificenza ed andartene poi ramingo per lo spazio infinito a piangere sul tuo triste destino.
    Ad ogni modo quella strana massa informe che hai avvistato sullo schermo non è una nuova nebulosa, bensì il fumo prodotto dal mio cervello compenetrato nello sforzo di comporre quel commento che ti è piaciuto tanto. Felice serata. 😛

  16. #26
    tunkulkik

    Amo molto giocare sul significato delle parole e, in particolare, la sfumatura che cogli anche tu nel tuo ragionamento; alieno e alienato. La differenza è minima sotto certi aspetti, persino inesistente sotto altri, per arrivare ad essere totalmente agli antipodi in altri casi ancora.
    Un sorriso per la tua serata.
    ^_______^

  17. Friends18.com Picture Comments
    Gli ultimi raggi di sole
    si dissolvono lievi
    tra i colori dell’incerto tramonto,
    coprendo con una coltre
    le realtà del mondo.
    Nel tenue barlume
    brillano le prime stelle,
    tra lo sfumare leggero
    di scialbe e rade nuberelle.
    All’ombra del crepuscolo,
    si spengono pian piano
    i rumori del giorno
    e appare serena
    la magica sera,
    dove iniziano i sogni
    e tutto s’avvera.
    Angela Rainieri
    passo veloce , e ti lascio un sorriso
    …buona settimana

  18. Credo che dovrò rileggerli i commenti prima di schiacciare il tasto “enter”: perché ho fatto tantissimi errori, anche di grammatica, e generalmente non ne faccio, scusa Key, e scusate tutti.
    Il concetto che volevo esprimere: sono certa che tu, Key l’hai compreso molto bene perché hai fatto un’esegesi perfetta, nel commento di risposta.
    Anche io amo giocare con le parole e facendo il confronto fra alieno e alienato credo che Mr. Porter, per i motivi di cui prima parlavo, l’hanno fatto passare per alienato prima, e catatonico dopo il viaggio con il ragtgio di luce, anche se non tutti i catatonici manifestano immobilismo plastico. Tuttavia chi vuol capire capisce. Guardando un catatonico di una certa tipologia patologica (abbiamo una vasta classificazione sulla catatonia in psichiatria) che cambia espressione e sorride alla domanda di Mark riguardo una certa paziente scomparsa con lui al momento del raggio di luce e mai più ritrovata. Per seconda istanza so che immobilismo plastico significa non cambiare neppure espressione. Comunque deduco o che l’autore del libro e lo sceneggiatore non sapessero niente di psichiatria, ovvero hanno preso lo stereotipo del catatonico immobile e allora vuol dire che: “da un altro mondo” è davvero da un altro pianeta, e Prot-Robert non è un alienato, ma bensì un alieno! ( c.v.d. – come si dice in matematica – per le ovvie ragioni spiegate sopra nelle varie ipotesi per giungere al tesi).
    Come dicevo prima il singolo non è “la massa”.
    Ergo Prot-Robert non è un alienato ma un alieno=> KEYPAXX, tu sei alieno quanto Prot, o almeno in certe cose, tipo in questo blog sei e rappresenti un alieno, per di più un alieno dal cuore d’oro, e nella tua vita privata sei un individuo, un uomo molto speciale…che sembra venire da un altro mondo, tanto sei speciale.
    Non so se sono riuscita ad essere chiara.
    A presto, e un sorriso.
    🙂

    P.S. No, non mi hanno riempito di torazina.

  19. @KeyPaxx

    Non ti è piaciuto il commento? Peccato, a me pareva così carino quando l’ho letto da qualche parte nel Web che subito ho pensato di copiarlo per fartene omaggio….. E invece non ti piace….Bè lo conserverò per qualche altro ravanello, :-PPP

    P.S. Io mi sono laureata all’Università Berlusconiana “La Supponenza” col massimo dei voti. Ho fatto anche un corso di specializzazione in bastardaggine, mi ha esaminato Sua Bassezza in persona…..Pensa che è stato Lui in persona a consigliarmi l’uso delle SSSSS di troppo, dice che gonfiano, fanno molta scena…..

  20. #33
    tunkulkik

    Ringraziandoti per le parole ampiamente generose con cui chiudi il tuo commento-riflessione, passo a lanciarti un quesito ulteriore: esiste una versione diversa del finale del film che citi, una versione in cui il protagonista non ha quel leggero e appena percettibile sorriso e resta in uno stato catatonico pressochè assoluto. Credo che questo possa dare ulteriore spunto alle tue teorie.
    Un sorriso per una solare giornata.
    ^_______^

  21. #36
    SuzieQ

    E vedi che alla fine, gira che ti rigira, sempre a scuola di Silvio ti ritrovi? Credo che, causa imminente divorzio, Sua Bassezza abbia liberato un posto presso il suo harem in Villa Certosa.
    😀

  22. Purtroppo non sono riuscita a leggere il libro, e non ho visto l’altra versione del film. Ma se lo dici TU, ci credo. Quindi il signor Porter-Prot, anche se fa comodo alla massa-gente è sempre un alieno, in fondo i veri alienati l’hanno accettato come alieno, e sono personaggi bellissimi, poiché con l’accettazione di Prot hanno trovato una vera medicina, alle loro ossessioni, fobie, perché si sono “rinchiusi” in mondi diversi… Qui mi volevi portare? E’ solo una questione di onomatopeica?!
    La storia di Prot, che per Mark poteva essere verosimile, ma mai vera, diventa tale e fa di Prot un alieno, la catatonia, è una sorta di stato mentale alieno e non di alienato, come per certi animali andare in letargo per accumulare le forze necessarie per affrontare le stagioni della riproduzione, e della costruzione di un nuovo nido o di una nuova migrazione.
    Dunque Prot vive fino al 27 luglio, qua sulla Terra, forse anche perché è veramente amico di Robert Porter e per aiutarlo a superare i suoi drammi, e poi si riposa, accumula forze, accetta quello che i terrestri chiamano catatonia con i sintomi di immobilismo plastico, fino a partire per K-Pax? E il ciclo si ripete? Sì perché di un ciclo si parla, o no?
    Un sorriso. Key, ma è quello che sei tu!
    🙂
    cri

    P.S. dove si trova la versione due del film?

  23. Il respiro del cosmo

    “Tutti
    potenziamente prossimi al respiro del cosmo
    tentiamo un alito
    lo vorremmo profondo e smussato delle sciagure del tempo, nostro
    Vorremmo trovarne i riflessi di quei pastelli a colori che vi abitavano
    o che vi hanno abitato un tempo
    Il sentimento d’amore
    che è il respiro del Mondo ci sfiori
    nelle albe e così nei tramonti
    Invoca l’assenza
    Accarezza la presenza
    Sì, poichè è il respiro del cosmo
    e non conosce le torture della vita e del tempo”

  24. Così Prot si allontana da questo nostro pianeta e lo fa a modo suo: Lasciandoci delle domande da risolvere e dimostrando ancora una volta quanta saggezza si nasconde dietro quel paio di occhiali da alieno. Mi ripeto ma devo ancora una volta dire che la tua scrittura è qualcosa di veramente bello e se ne esce arricchiti quando ci si immerge nella lettura!

  25. ….Prot ci lascia…..non lo credo, una parte di Prot se ne va, qualcosa di lui rimane, è qui, ci sorveglia, si muove con noi, ci osserva, vuole in un certo senso avere cura di noi, anche se non potrà mai intervenire. E noi? Da che cosa capiremo noi che Prot è ancora qui? Nessuno potrà farlo, nessuno ne sarà degno…..e questo è il vero dramma.

  26. #50
    tunkulkik

    Infatti i veri “normali” sembrano coloro che sono etichettati per non essere tali. Coloro che attorniano Prot e lo costringono a dare spiegazioni che non dovrebbe sono semplicemente mossi da un morboso desiderio di rivalsa personale.
    La versione alternativa del finale del film la trovi nel DVD omonimo, al pari di molte altre scene tagliate.
    Un sorriso per la tua serata.
    ^_______^

  27. ….il grande guardone….pensi che sia troppo forte? violazione della privacy? Io penso che chi governa un paese abbia il dover di dare un’immagine un pò meno….spumeggiante….Poi ognuno è libero di pensarla come vuole.
    Buongiorno con briochine allo zabaione inzuppate nel latte.

  28. #68
    fantasia972

    Non credo sia molto complicato, ma occorre tenere a mente alcuni presupposti; parliamo di una persona che racconta la sua esperienza dentro un ospedale psichiatrico e che è convinto di non essere un malato, a differenza di quello che i dottori vogliono fargli credere. Poi il soggetto in questione svanisce dal reparto ed è convinto che, non essendo stato ascoltato, abbia lasciato dietro di sè dei rimorsi in coloro che dovevano accertare la sua identità.
    Un sorriso.
    ^_______^

  29. #69
    SuzieQ

    No, penso soltanto che mi sono rifatto ironicamente al tuo scritto:
    “…è qui, ci sorveglia, si muove con noi, ci osserva, vuole in un certo senso avere cura di noi, anche se non potrà mai intervenire…”
    Era un’occasione sin troppo ghiotta offerta su un piatto d’argento. Non trovi?
    Un sorriso al cappuccino per iniziare la giornata.
    ^______^

  30. #70
    emmelania

    Anche l’ignoranza ha i suoi aspetti positivi, su questo non c’è alcun dubbio. Forse, conoscere meno, offre maggiori spiragli di felicità; che non potrebbe essere perciò imbrigliata da schemi cerebrali.
    Un sorriso.
    ^_______^

  31. meravigliosa riflessione!
    Abbiamo tutto nell’essenza delle cose… basta saper guardare con occhi limpidi e puri… ascoltare la voce del silenzio nella musica della natura…nessuna domanda… è tutto chiarissimo*
    Buon proseguo di giornata:-)

  32. #80
    fantasia972

    Prego, spero che ora il post ti sia più chiaro.
    🙂
    Si, so che l’editore ha provveduto a una prima evasione di ordini proprio ieri. In teoria oggi, o al massimo domani, molti di coloro che lo hanno ordinato dovrebbero anche riceverlo.
    Un sorriso per una buona lettura.
    ^_________^

  33. Ah sì, scusami! Nella mia incommensurabile supponenza pensavo ti fossi riferito al mio post col video, ma pensa che roba! Io e le mie manie di grandezza! Potrai mai perdonarmi? Non avevo colto l’ironia, in effetti più azzeccato di così si muore…..ma che cretina che sono…….diamo la colpa al sonno. 🙂

  34. #86
    frontespizio

    L’umanità ha l’abilità di nascondersi dietro una serie di paletti che costruisce e sistema costantemente uno dopo l’altro. Spesso l’anormalità è una forma di fuga alla ricerca di una realtà priva di rigidi schemi.
    Un caro saluto, Michele.
    🙂

  35. #92
    ilblogdicris

    Eh si, la comprensione è figlia dell’accettazione. Se non si riesce a instaurare un rapporto è difficile proseguire il cammino comune.
    Un sorriso per la tua giornata.
    ^_________^

  36. #96
    utente anonimo-daphnee

    Si, dipende molto dalle situazioni che ognuno deve affrontare. Ma esistono momenti in cui il tempo a disposizione non permette esitazioni di sorta.
    Un sorriso per la tua giornata.
    ^______^

  37. Dici bene amico mio…se l’umanità si liberasse del dubbio, forse la vita si srotolerebbe con più semplicità e nella spontaneità. Ecco, forse genti degli altri mondi, questi problemi non li hanno e sicuramente vivranno più in profondità la loro esistenza, oppure tutto ciò li rende eterni? taoista

  38. #104
    nuovo45

    L’eternità è un battito di ciglia dentro gli occhi del gigante universo, perchè essa si trasforma e muta in nuova materia nel calderone delle stelle.
    Un caro saluto a te.
    🙂

  39. Paxxino, di possibilità ce ne sono un sacco, volendo. L’importante e sentirsi a proprio agio…..
    “accese la luce e ritrovò tutto esattamente come ricordava”…. ecco una porta aperta al dialogo tra il protagonista e il tempo trascorso dallo stesso lontano da lì.
    =________0

  40. #108
    SuzieQ

    Non ci sono protagonisti assoluti, siamo tutti parte di uno stesso teatro dove gli atti variano a seconda dello spettacolo in scaletta.
    “…sotto una apparente dura fredda scorza vi era un uomo…”

  41. ….ed Inoltre, mi citi Obi-Wan Kenobi…e May Organa? Da dove spunta? Parente alla lontana di Leyla?
    Giovane Skywalker, l’avventura è appena cominciata…che la forza sia con te! ^________^

  42. Sonetto 21

    W.Shakespeare

    Io non sono come quella Musa
    ispirata alla poesia da bellezze artefatte,
    che usa come ornamento il cielo stesso
    ed ogni beltà compara al suo splendore,
    raggruppando in solenni paragoni
    sole, luna, terra e del mar le ricche gemme,
    i primi fiori dell’Aprile e quanto di prezioso
    racchiude il firmamento in questa immensa volta.
    Onesto in amore, permettete ch’io scriva il vero
    e poi credetemi, il mio amore è bello quanto
    il figlio di ogni madre, anche se non brilla
    come quei lumi d’oro fissi nel firmamento:
    lasciate esagerare chi ama frasi di grande effetto;
    io non vanterò chi non intendo vendere.

    ti lascio silente un abbraccio notturno… buon fine settimana a te

  43. #115-Giuliano Ferrara

    Ma cosa mi racconti….sono troppo attenta alle vicissitudini di Silvio e mi sono persa il resto. Una cura dimagrante! Che orrore! Non ci sono più gli obesi di una volta….. 😛

  44. Sto cercando di procedere con calma nella lettura….lo dico perchè, quando un libro mi appassiona, cerco di leggerlo tutto d’un fiato, rischiando di perdere così alcuni passi ed arrivare alla fine col fiato grosso come se avessi fatto una salita. Ma mi piace….mi piace…
    P.S. la WannaMarchi, come esponente del popolo felino ti ringrazia per il giusto risalto che dai alla categoria.
    ^________^

  45. Ciao, Key
    arrivo quì attraverso la mia assidua, seppur silenziosa, presenza sul blog della meravigliosa Monica…attraverso lei ho imparato a voler bene ai suoi numerosissimi amici…Allora mio caro Key ti faccio i miei migliori auguri per il tuo Libro “Fiori nella neve”…e che sia il primo di una lunga serie.
    Con grande affetto e amicizia
    Maria Teresa

  46. molto coinvolgenti le ultime pagine dle diario di Prot – caro extraterrestre, ho scoperto una magia alla Punta Della Dogana a Venezia, dovrebbe piacere ad uno come te, ho osservato che, a dfferenza di molta arte contemporanea piaceva a tutti, anche ai bambini, è un’installazione al buio con tanti plastici multicolori di Kandor…se conosci i fumetti di fantascienza sai cos’è, io l’ho scoperto qui…s epuoi, vai a vedere, vale la pena!
    marina

  47. #122
    SuzieQ

    Bene, allora utilizzerai il metodo della lettura centellinata. Io li ho entrambi, indistintamente. Dipende soprattutto dai periodo. Lieto che WannaMarchi ne sia entusiasta, potrò sempre affermare che è un libro che piace anche alle bestie.
    ;-P

  48. #124
    hettori

    Ti ringrazio per lo spazio che dedicherai al mio libro e sono davvero molto felice di essere parte delle tue dieci letture consigliate per l’estate!
    Un caro saluto e la buona serata.
    🙂

  49. #127
    utente anonima
    alias vattelapesca, alias crudelia demon, alias pinturicchia, alias dottorata, alias finta bionda ecc. ecc.

    Come ti scrissi già a suo tempo: qui non passi. Fattene una ragione. Sei già mal sopportata altrove: le tue intimidazioni, provocazioni e insulti per me sono soltanto acqua che scorre.

  50. #130
    aboutyou

    Kandor era la capitale di Krypton fino a quando venne rimpicciolita e rubata dal supercriminale Brainiac, alcuni anni prima della distruzione del pianeta. Superman scoprì la città in possesso di Brainiac quando l’androide giunse sulla Terra per rimpicciolire e rubare altre città e gliela sottrasse, custodendo la città kryptoniana nella Fortezza della Solitudine mentre cercava di trovare un modo per ripristinarla alla sua normale dimensione.
    Se posso ne godrò la visione volentieri. Superman e il suo universo mi hanno sempre affascinato, grazie.
    Un sorriso.
    ^_______^

  51. #131
    xdanisx

    Dobbiamo riuscire a mantenere vivo lo spirito bambino che aleggia dentro di noi per vedere sempre con occhi curiosi un universo di meraviglie.
    Un sorriso e un abbraccio per te.
    ^_______^

  52. #149
    sognatricenata

    Nel caso specifico parliamo di una società che antepone il dubbio a qualsiasi altra questione, rifiutando spesso le macroscopiche opportunità che si possono cogliere senza pregiudizi.
    Un sorriso.
    ^______^

  53. Se si ascoltassero di più i numerosi segnali che la natura, l’universo e anche noi stessi ci mandiamo…saremmo molto più elevati e conoscitori del Dio che c’è in ognuno di noi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.