11/10/10: dal diario di Prot

https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media5c88a26970627c1adbe90fd86048538d.jpg


Uno dei motivi per cui questo diario rappresenterà un elemento prezioso per coloro che lo leggeranno non è il suo contenuto. I documenti elettronici che lo compongono potrebbero contenere  la testimonianza di un giorno vissuto al nord del pianeta, a contemplare l’evolversi della luce sino al suo naturale crepuscolo. Potrebbero contenere anche la testimonianza delle meraviglie che danno luogo alla nascita di nuove speci biologiche. L’importanza di questo diario risiede invece in un altro aspetto che mi hanno aiutato a comprendere gli ospiti della clinica di Mark: la comunicazione.
La natura umana necessita di un contatto con i propri simili per imparare a conoscere le sue stesse priorità. La comunicazione porta alla curiosità, talvolta è quest’ultima a stimolare la prima, talvolta procedono in coppia per esplorare i territori della conoscenza.
Eppure sono le domande, il tentativo di instaurare un contatto a smuovere la mente umana da un torpore altrimenti destinato a rinchiuderla. Ed è in questo modo che mi sono rivolto ai pazienti di Mark; con il desiderio di offrire e avere delle informazioni, di portarli su un terreno di equo scambio.
In altre parole; comunicando.
La vera difficoltà non è quella di imparare ad ascoltare e chiedere. Quello che risulta difficile è riuscire a far capire come qualcosa di talmente semplice possa dare risultati che nessuna altra terapia conosciuta dall’uomo è in grado di ottenere
[chiusura file -click-].

https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media05eaa112676aa3169c3d0dd4adc8c6ba.jpg

Autore testi: Keypaxx © Copyright 2006-2010. Tutti i diritti riservati.

95 risposte a “11/10/10: dal diario di Prot

  1. La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) non è soltanto un processo di trasmissione di informazioni (secondo il modello di Shannon-Weaver). In italiano, il termine “comunicazione” ha il significato semantico di “far conoscere”, “rendere noto”.
    (Wikipedia)

  2. Sai, hai proprio ragione. Riuscire a comunicare sembrerebbe una cosa semplice ma non lo è. Spesso le parole che si dicono nascondono i nostri pensieri e preferiamo comuicare "a metà"…. come volessimo proteggerci o non avessimo il coraggio di "raccontarci" fino in fondo.Dovrebbero insegnarci a non avere paura, dalla nascita!Un abbraccioJoh

  3. E' vero, secondo me e fa riflettere l'ultima frase: "Quello che risulta difficile è riuscire a far capire come qualcosa di talmente semplice possa dare risultati che nessun'altra terapia conosciuta dall'uomo è in grado di ottenere."Io, scrivendo sul Blog, dietro consiglio e con la mia cara amica Vagabonda, sono riuscita in poco tempo a capire certi meccanismi, a chiarirmi più facilmente e quindi a vivere più intensamente.Grazie anche allo scambio con le persone come te incontrate tra le righe dei vari blog.Buona settimana!

  4. E' proprio vero: Comunicare sembra la cosa più facile del mondo ma la rendiamo quasi sempre la più difficile.Se ci parlassimo di più e se discutessimo con più volontà invece di ricorrere a tanti altri mezzi alternativi, come tenere il muso o scontrarsi, staremmo meglio di sicuro.L'uomo e la donna invece non sempre seguono la strada migliore.Buon inizio settimana!

  5. Quante cose in comune abbiamo.Caro Prot sarai pure un alieno ma condivido tutto il tuo pensiero, e leggere il tuo diario mi dice molte cose di te.Grazie dei tuoi passaggi, e per aver apprezzato la foto, hai ragione quello scatto è stato un momento irripetibile di magia…da cinque anni fotografo la luna e dopo tanti appostamenti la pazienza è stata premiata.Un caro salutofrantzisca

  6. Lo dice anche Neruda in una sua famosa poesia: "muore dentro chi non chiede, chi crede di conoscere già tutto, chi non è curioso".Chiedere e sapere ascoltare, nulla di più semplice eppure così difficile da applicare.Quì sta il segreto.

  7. Stiamo tutti, finora, concentrandosi sul senso più conosciuto di comunicazione.Anche queste righe e tante altre ancora e il tempo condiviso sono atti di legame positivo.Ogni tanto un passo indietro per rispettare certe formalità che non accettano di buon grado le dissonanze.Ma un alieno è molto altro….Un saluto, Key. 

  8. #2JohLa paura frena molti aspetti della vita. La comunicazione, in certi frangenti, rientra in questi aspetti. Un carattere schivo o la timidezza completano, in alcuni casi, il quadro.Un sorriso per una serena giornata.^__________^

  9. #3violetta306Indubbiamente essere in grado di comunicare pienamente permette di affrontare la propria esistenza con altro piglio. Il libero scambio di opinioni è costruttivo ed evolutivo.Un sorriso per una serena giornata a te.^_______^

  10. La comunicazione riguarda sia l’ambito quotidiano (ad esempio un colloquio tra amici) sia l’ambito pubblicitario e delle pubbliche relazioni: in ciascuno di questi ambiti la comunicazione ha diverse finalità.
    (Wikipedia)

  11. #5FrancescafuturaIl diario di Prot rappresenta una serie di considerazioni sull'umanità vista, in particolar modo, dall'esterno. Come ci vede chi sta al di fuori? Lieto che sia di tuo gradimento.Un sorriso per la giornata.^________^

  12. #6alessandra62Il segreto sta nel porre le domande giuste. Ma anche, soprattutto, nel saper ascoltare. Neruda dice cose molto sensate e condivisibili.Un sorriso per una serena giornata.^___________^

  13. Gli agenti della comunicazione possono essere persone umane, esseri viventi o entità artificiali. Infatti è colui che “riceve” la comunicazione ad assegnare a questa un significato, per cui è la potenzialità creativa dell’essere umano ad assegnare significati ad ogni cosa, creando il “sistema comunicazione” con le sue due caratteristiche: l’immaginazione e la creazione di simboli.
    (Wikipedia)

  14. E' verissimo quel che dice Prot,la comunicazione è molto importante ma anche difficile,e poi ci sono tantissimi modi per comunicare!Sai forse cosa anche? Magari sono anche le persone che ascoltano che hanno poca voglia di impegnarsi nell'ascoltare,al giorno d'oggi siamo sempre tutti di corsa…Magari non centra nulla,ma mi è venuto da pensare a questo!Buona settimana carissimo ^_____^

  15. Le cose che scrivi mi riportano alla mente alcune  riflessioni che stanno alla base della comunicazione… Penso che bisogna imparare a saper Ascoltare, saper Parlare…per Comunicare.Ecco, per ascoltare bisogna saper stare in silenzio, per parlare bisogna essere accorti a ciò che diciamo . In sintesi si potrebbe riassumere così:  Nella comunicazione l' importante non sono le parole che pronunciamo, ma come si dicono.taoista

  16. I registi dei film muti comunicavano con le immagini, talvolta senza didascalie. Ed erano grandi, come pure gli attori che dovevano esprimere  sentimenti con il viso, con gli occhi , soprattutto.  Senza poter parlare… quindi si comunica , anche senza parole… a presto  Lietta

  17. È tuttavia argomento di discussione se la comunicazione presupponga l’esistenza di coscienza, o se si tratti di un processo che può avvenire anche tra macchine. Se infatti è colui che riceve la comunicazione ad assegnare un significato ogni “cosa” può comunicare.
    (Wikipedia)

  18. #19ceinwynNon è facile stare ad ascoltare il prossimo. Spesso parliamo senza voler investire il nostro tempo a sentire. Perchè ascoltare richiede una forma di riflessione più profonda che non parlare.Una buona settimana anche a te.^____^

  19. #20nuovo45Indubbiamente alla base di una buona comunicazione ci sono gli estremi; l'ascolto e la parola (o trasmissione dei propri concetti con altri canali che non siano prettamente vocali). Il tono è senza dubbio importante, così come una giusta esposizione dei concetti.Un caro saluto a te.:)

  20. #22liettapetChiaramente i canali della comunicazione sono molteplici. Lo sono il cinema come la musica, la scrittura come la mimica. Dipende sempre dalla padronanza del mezzo; un cattivo regista non saprà mai comunicare allo stesso modo di un buon regista, per quanti mezzi abbia a disposizione.Un sorriso per la giornata.^_____^

  21. Inseguo questo sogno da tempo. In ogni dove (lavorativo/sociale/culturale/ politico) ho sempre GRIDATO al valore della comunicazione, qualsiasi forma, e l'apertura all'ascolto..Senza essere ascoltata!!!!Un sorriso grandeNB: ogni tanto preparo leccornie..sei sempre gradito ospite

  22. Trovo che la comunicazione sia la cosa piu' importante nella vita, a me piace molto il confronto, ascoltare le esperienze degli altri, capire a volte cosa c'e' di sbagliato in un comportamento…potrei passare anche ore a comunicare, mi piace e quando mi vedo con gli amici e' capitato di farlo per intere giornate e devo dire che fa molto bene…Ciao key, scusa la mia assenza, forse non ci hai fatto neanche caso, speriamo …Un caro saluto e buona continuazione di settimanasmackkkkk

  23. Sempre fonte di profonde riflessioni i tuoi post. Difficile saper comunicare specie per chi fa fatica a guardarsi dentro ed esternare paure e sentimenti, difficile ascoltare gli altri se non si ascolta prima se stessi. Come nell'amore.

  24. Nel processo comunicativo che vede coinvolti gli esseri umani ci troviamo così di fronte a due polarità: da un lato la comunicazione come atto di pura cooperazione, in cui due o più individui “costruiscono insieme” una realtà e una verità condivisa (la “struttura maieutica” proposta da Danilo Dolci); dall’altro la pura e semplice trasmissione, unidirezionale, senza possibilità di replica, nelle varianti dell’imbonimento televisivo o dei rapporti di caserma.
    (Wikipedia)

  25. #37acqua80La parte più difficile è proprio questa; fare capire l'importanza della comunicazione agli altri.Per le leccornie da mangiare… sempre disponibile Un sorriso per una serena giornata.^_________^

  26. #38tigerwomanLa comunicazione è un bene prezioso che fa bene a tutti. Difficile farne senza e limitarla.Per le assenze; si, mi accorgo di tutte. Non è bello vederle. Anche perchè il poco tempo disponibile è un problema per la maggior parte di noi, me compreso.Un sorriso per la settimana.^_____^

  27. #42Stefy71In effetti occorre prima conoscere se stessi, per arrivare a conoscere gli altri. Dare ascolto ai sentimenti è un po' la stessa cosa; se non riconosci per primi i tuoi è difficile conoscere quelli altrui.Un sorriso per una serena giornata, compagna di compleanno.^____________^

  28. Paul Watzlawick e colleghi (1967) hanno introdotto una differenza di fondamentale importanza nello studio della comunicazione umana: ogni processo comunicativo tra esseri umani possiede due dimensioni distinte: da un lato il contenuto, ciò che le parole dicono, dall’altro la relazione, ovvero quello che i parlanti lasciano intendere, a livello verbale e più spesso non verbale, sulla qualità della relazione che intercorre tra loro.
    (Wikipedia)

  29. Questo post è un invito a nozze e tu lo sai benissimo, vero marpione?Come al solito sono in ritardo ma ti confesso che farti aspettare mi piace un sacco. Dunque, vediamo un pò che c'è scritto ….<La vera difficoltà non è quella di imparare ad ascoltare e chiedere. Quello che risulta difficile è riuscire a far capire come qualcosa di talmente semplice possa dare risultati che nessun altra terapia conosciuta dall'uomo è in grado di ottenere">Ma questo alieno ha capito tutto ! E' vero, oggi, grazie ai telefonini e soprattutto ad Internet si comunica di più, la gente ha scoperto che grazie alla rete può comunicare con perfetti sconosciuti anche fuori dal proprio Paese. E' tutto un chattare, scambiarsi sms, mms, mail e chi più ne più ne metta. Ma non sempre questa è vera comunicazione. Il più delle volte chi scrive lo fa per un fine egoistico del quale peraltro non è consapevole. I tempi moderni ci costringono ad una vita convulsa per cui anche i rapporti con chi ci sta vicino sono influenzati da ciò che acade attorno a noi, dai mille impedimenti che le persone che amiamo hanno e che ci impediscono di parlare con loro di noi. Magari ci proviamo ma l'altro risponde sempre "scusa ho da fare" oppure "sì dimmi, ma veloce che devo fare una telefonata".. Se cerchi un amico per sfogarti non lo trovi mai, sembra che abbia intuito il pericolo imminente e si è reso irreperibile. Infatti non ha voglia di ascoltare le vostre lamentele, quanto di farvi ascoltare le sue che naturalmente voi non siete disposti ad ascoltare. Alllora che si fa? Si va su Internet e si chatta. Perchè su Internet è più facile raccontare i fatti propri ed ottenere attenzione? Prima di tutto il fatto di non vedere l'interlocutore, voi non ci crederete ma parlare dei fatti propri guardando qualcuno in faccia, negli occhi blocca un sacco di persone. Ognuno di noi ci tiene a fare bella figura e il timore di leggere sul viso di chi ascolta riprovazione,  meraviglia  e rimprovero ci frena. Temiamo di arrossire, impappinarci, dare insomma un'opinione poco lusinghiera di noi. Con Internet tutto questo non succede…..Cmq sia fin qui abbiamo parlato di soggetto che comunica, ma il soggetto che sa ascoltare dov'è?E' nel commento seguente, infatti ora mi prendo una pausa, poi torno

  30.  Questo è il commento che viene dopo di quello che viene prima. Sì lo so, ho scritto una boiata ma mi andava così.Abbiamo visto nel comm. precedente che cos'è la comunicazione a senso unico; imparare ad ascoltare e chiedere è più complicato poichè bisogna saper riconoscere i disagi degli altri non senza prima aver imparato a conoscere i nostri.  E la gente vuole essere ascoltata perchè se nessuno ci ascolta inevitabilmente ci richiudiamo in noi stessi con le nostre paure e finiamo per ammalarci. Sapere ascoltare vuol dire mettersi umilmente a disposizione del prossimo.  Vuole anche dire chiedere se qualcosa non ci è chiaro o se pensiamo che la risposta potrà arricchire le nostre conoscenze. Solo così può esserci comunicazione, quel tipo di comunicazione che è anche terapia per il nostro male di vivere. Tanti piccoli malesseri guariscono così. Semplicemente parlandone.Ecco, questo è quello che penso voglia dire Prot .Va bè, Paxxino, l'ho tirata lunga, così avrai qualcosa da leggere se soffri d'insonnia.

  31. #51SuzieQDi norma le donne terrestri si fanno sempre aspettare… ma per fortuna sono alieno Beata te che pensi io abbia capito tutto; in realtà c'è molto da capire e, quando pensiamo di avere finalmente compreso qualcosa, ci rendiamo conto che non è così. Le lacune che emergono sono tante, sconfinate.Non è semplice guardare negli occhi una persona e confidarsi. Ecco perchè, solitamente, ci si riesce meglio con degli estranei. Chi ci conosce è in qualche modo prevenuto; sa dove andiamo, spesso, a parare e preferisce "tagliare corto". Perchè mai perdere tempo in qualcosa che, in fondo, non rappresenta nulla di nuovo? meglio perdersi nelle nostre amenità, sono più confortevoli.

  32. #52SuzieQCredo il pensiero di Prot sia molto affine a quanto hai scritto in questo commento. Purtroppo non si riesce ad essere consapevoli di certe necessità, come la comunicazione, che vengono ritenute di poco conto. "Cosa sarà mai una parola in meno? posso andare avanti lo stesso" è il pensiero che sorge spontaneo quando c'è l'impossibilità di trovare buone orecchie. E invece no. Perchè la malattia è subdola, lenta e comincia il suo inesorabile cammino appena dietro l'angolo, nelle vesti di piccola invisibile scimmia sopra le nostre spalle.

  33. Il virus m'ha colpito biecamente alla sprovvista! Ho le ossa a pezzi e la febbre… ma sono al lavoro!! Sarò stupida vero??? :o))Buon fine settimana e… copriti!!!Un abbraccioJoh

  34. Alla comunicazione difficile  con le persone vicine, ho interposto i miei interessi creativi nelle quali mi rifugio.E' una fuga? No, è la sopravvivenza.La comunicazione con il mondo esterno è limitato e limitante soprattutto se non c'è la volontà di esercitarla.Cresce la solitudine? Sì…Crescono i rapporti a distanza: blog, facebook, mail…col grande desiderio di quell'amore che solo una sana comunicazione-relazione può dare.Oggi mi sento meno sola con voi tutti che mi tenete compagnia.Sono una persona molto curiosa (sto scoprendo una nuova passione per la fotografia), ciò dovrebbe stimolare la mia comunicazione. Ma…con chi parlo? A chi lo comunico?  Non interessa a nessuno…nemmeno a chi mi sta vicino.Un abbraccio,Key

  35. In epoca recente, lo psicologo di Amburgo Friedemann Schulz von Thun (1981) ha proposto un modello di comunicazione interpersonale che distingue quattro dimensioni diverse, nel cosiddetto “quadrato della comunicazione”:
    * contenuto: di che cosa si tratta? (lato blu del quadrato, in alto)
    * relazione: come definisce il rapporto con te, che cosa ti fa capire di pensare di te, colui che parla? (lato giallo, in basso).
    * rivelazione di sé: ogni volta che qualcuno si esprime rivela, consapevolmente o meno, qualcosa di sé (lato verde, a sinistra).
    * appello: che effetti vuole ottenere chi parla? Ciò che il parlante chiede, esplicitamente o implicitamente, alla controparte di fare, dire, pensare, sentire. (lato rosso, a destra).

    (Wikipedia)

  36. #56
    Joh

    Terrò molto in evidenza il tuo suggerimento, anche perchè hanno avvisato a più riprese di una caduta a picco delle temperature. Spero tu possa superare presto il virus!
    Un sorriso per un fine settimana riposante.
    ^__________^

  37. #57
    mimosa49

    I rapporti a distanza, grazie alla tecnologia, hanno indubbiamente i loro lati favorevoli e i loro lati sfavorevoli.
    Esistono dei circoli, dei piccoli club, di amanti della fotografia. Spesso nei comuni fanno girare volantini che li pubblicizzano. Se vuoi aprirti a questa passione sono convinto non ti sarà difficile informarti in merito.
    Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^______^

  38. Un mezzo di comunicazione di massa o mass medium anche abbreviato in medium, è un mezzo di comunicazione attraverso cui è possibile diffondere un messaggio, secondo le caratteristiche proprie del mezzo, ad una pluralità di indistinti e diffusi destinatari.

    (Wikipedia)

  39. un eccellente comunicatore, quale tu sei, non poteva non farsi veicolo di comunicazione. L'alieno mi ha convinto a leggere le varie pagine di diario tutte assieme…beh, la comunicazione è a mille e riscontro tracce di civiltà in ogni parola, frase o periodo…
    amico mio, la narrazione, nelle più diverse forme, è nelle tue corde…continua a suonare!!!

  40. Fino alla Rivoluzione industriale lo sviluppo dei mass media è stato piuttosto lento. Dal XIX secolo si sono susseguite nuove invenzioni che hanno permesso, da un lato, di trasportare contenuti a distanza più velocemente, dall’altro, di raggiungere il pubblico più capillarmente. La prima fu l’invenzione del telegrafo.

    (Wikipedia)

  41. #69
    lunacresente

    La comunicazione avviene generalmente con la parola. Ma quando l'intesa è maggiore è sufficiente anche soltanto uno sguardo.
    Spero tu abbia trascorso un sereno fine settimana.
    ^__________^

  42. #73
    confessiogoliae

    Ti ringrazio per le tue sentite parole. Sanno spronare alla scrittura anche quando ci sono degli alti e bassi di interesse. Il tuo commento è veramente prezioso e da conservare con cura.
    Un caro saluto a te.
    🙂

  43. #83
    claudine2007

    Chissà se scopriremo mai cosa combinava Prot lassù al nord… forse un giorno ce lo farà sapere dalle pagine del suo diario.
    Un sorriso per una serena giornata a te.
    ^___________^

  44. Ci sono persone che parlano, parlano e parlano, ma in fondo non hanno "comunicato" niente.
    Questo diario di Prot invece comunica eccome, sarebbe bello subire un'invasione di Prots e che avessero la capacità di far "cambiare" molti cosidetti "umani"

    Un saluto

    frantzisca

  45. #90
    Francescafutura

    Come ogni diario, nelle pagine troviamo rappresentati concetti che altrimenti si riscontrerebbero con difficoltà. Non è il caso di Prot, la cui trasparenza avviene senza alcun secondo fine, ma è il caso della maggior parte degli uomini che mostrano invece un aspetto ben diverso di ciò che realmente sono.
    Un sorriso per la tua giornata.
    ^________^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.