Esdy5 • passo5di16 – Ama il Dio tuo

esdy5_5

Voltò il viso di lato, massaggiando con la mano destra, nervosamente, la barba canuta sopra la pelle. Borbottava mezze frasi: perlopiù meri tentativi di soffocare una sorpresa sgradita. Padre Corintho stava cercando di dare un senso a quanto aveva appena appreso, inutilmente.
«Non riesco a capire… come sia possibile… è assurdo, completamente. In questo luogo di pace… ma come può essere?»
La piccola famigliola composta da Esdy, Syano e la figlia Sidhe lo aveva già sentito pronunciare quelle parole almeno altre due volte, mentre la ragazza di Rosslare lo informava sull’attentato subito poche ore prima. Lei e Syano si erano scambiati dei turni di guardia fino all’alba. Prima di recarsi dal religioso. «Lo sappiamo, padre. E ne siamo dispiaciuti. Adesso però ci occorre il suo aiuto» disse la giovane «ha notato qualcosa di strano, tra i fratelli, negli ultimi tempi? qualcuno di loro è entrato di recente nel vostro ordine?»
«Di recente? no… siamo in questo monastero da oltre tre lustri. Conosco bene ognuno di loro. Ecco perchè quanto mi dite sembra ancora così…»
«Così come…?» tentò di concludere Esdy notando una breve esitazione nella frase del monaco.
«Pensavo. Ma… no; è troppo assurdo, lasciate stare…»
«Padre Corintho, la prego; anche il minimo particolare può esserci di aiuto, in questo momento.»
Guardò Esdy negli occhi, poi incrociò lo sguardo teso e scuro di Syano, arrivò sul viso sereno e innocente di Sidhe. Quindi, tornando a confrontarsi con la ragazza, riprese il suo ragionamento «Dopo il vostro arrivo, poche ore, Padre Ignazio mi rivolse diverse domande su di voi. Desiderava conoscere meglio la vostra provenienza, le motivazioni che vi spingevano tra noi. Quesiti inusuali, e che rammento soltanto adesso, rispetto alla sua indole taciturna».
Esdy rivide mentalmente la figura del monaco; un uomo dalla corporatura media, tra i più giovani dell’ordine. Dalla tempra resistente e robusta. Restava sempre in disparte, come se non volesse mostrare più del necessario.
«Comunque non è questo ad apparirmi diverso, nel suo modo di fare. È stata la sua affermazione. Mi ha chiesto conferma sul suo nome. Sembrava… incredulo; affermava che “Esdy” gli somigliava il nome di un luogo del proprio passato…»
La giovane si girò verso Syano, trovandovi sul viso la stessa espressione consapevole e allarmata.
«Ci è stato di molto aiuto, Padre Corintho. Le chiedo però un favore; può condurci alla cella di Padre Ignazio?»
«Oh mio… credete possa essere implicato nel…?»
«Non crediamo nulla di particolare, padre. Di sicuro è però consigliabile rivolgere qualche domanda anche a lui» intervenne Syano. Esdy prese per mano la figlia e insieme si avviarono dal monaco. Nessuno si accorse però dell’improvviso pallore che cominciò a sbiancare il viso della piccola Sidhe.

esdy5_minicover

Autore testi: Keypaxx © Copyright 2006-2013. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Skellig Michael” wikipedia
Nella ideale parte di Esdy ho scelto dal 2007 Piper Perabo.

Annunci

50 risposte a “Esdy5 • passo5di16 – Ama il Dio tuo

  1. Image Hosted by ImageShack.us

    ******************************************************************************************************
    ————————————- I racconti della neve! ————————————-

    Proseguono gli omaggi abbinati all’iscrizione alla mia newsletter!
    Si è iniziato con Esdy (ma se te la sei persa non temere; tornerà anche su altri canali, oltre alla quinta stagione che stai leggendo ora) e si prosegue con una nuova esclusiva!
    Ideale prologo – o epilogo – del mio romanzo Fiori nella Neve, puoi ora scaricare, gratuitamente, il nuovo eBook (PDF):
    i racconti della neve
    …Sei già iscritto e desideri leggerlo? ti è sufficiente scrivermi una e-mail con la richiesta; provvederò a inoltrarti il link per effettuare il download.
    Corri (leggi bene le istruzioni) a questo link e procedi all’iscrizione!
    😉
    ******************************************************************************************************

    • @Silvia

      In effetti prima di diventare un mio personaggio ci penserei sopra almeno un paio di volte; lo sai cosa ti attende? ne sei proprio sicuro? guarda che una volta dentro poi io ti riservo pochi riguardi, eh!
      🙂
      Felice giornata e un sorriso a te.
      ^___^

  2. Con servizio segreto (spesso anche genericamente al plurale servizi segreti) si intende, genericamente, un’organizzazione statale, o che faccia capo ad uno Stato, il cui operato è coperto dal segreto (il cosiddetto segreto di stato) operante ai fini della salvaguardia degli interessi nazionali. (Wikipedia)

    • @mairitombako

      La fine arriva di sicuro. Basta attendere la conclusione del sedicesimo passo.
      😉
      Prima di quel momento ne leggeremo ancora delle belle (o delle brutte, a seconda…).
      Un sorriso per un sereno inizio di settimana.
      ^___^

  3. Per certi versi, l’attività di spionaggio, è molto antica ed è considerata alla stregua di qualunque altro mezzo a disposizione degli stati per il perseguimento dei loro fini generali, ha seguito la parabola genetica della nascita e dello sviluppo della c.d. guerra industriale. (Wikipedia)

  4. Ma no daiiiiiiii…. di la verità che ti diverti a lasciarci con il fiato sospeso ogni volta che decidi come terminare la parte da pubblicare. Furbastro ma innegabilmente molto molto bravo 🙂
    Ciaoo, buona serata
    Pat

    • @Patrizia M.

      Eh si, dopo la controversa questione del flashback arriva pure quella del cliffhanger
      😆
      Il mio stile si giova di queste tecniche; più evidenti delle altre che sono invece nascoste nel mezzo. La difficoltà maggiore consiste, in questo tipo di serie per il blog, a creare i presupposti per applicarle. Perchè finchè le si trovano sopra un libro, al termine di un capitolo di otto-dieci/quindici-venti cartelle è piuttosto facile inserirle. Nel caso specifico, di due cartelle scarse, è certamente più laborioso e sottopone a rischi molteplici. Del resto le cose facili non mi sono mai piaciute troppo. Altrimenti mi metterei a scrivere le cinquanta sfumature di verde.
      🙂
      Felice che sia di tuo gradimento.
      Un sorriso per una serena giornata.
      ^____^

  5. Se è corretto dire che moderni servizi informazioni esistevano già nel XVIII secolo, tuttavia fino alle Guerre Napoleoniche si trattò di strutture di “mobilitazione”, che nascevano e morivano intorno agli stati maggiori assieme alla deflagrazione della guerra (ed al successivo ritorno alla pace). Soprattutto per quanto attiene al controspionaggio, le sorti dello stato erano rimesse al network dei diplomatici, quasi sempre con risultati modesti. (Wikipedia)

  6. Ahi ahi ahi…. diceva il Prof. Sassaroli quando sentiva puzza di bruciato….
    Qui si entra a passo sicuro nella spirale dell’intrigo. Sì, perché se fosse impallidita Esdy, lei abituata a convivere col mistero, per lei è il pane quotidiano, si poteva pensare che forse era stato un brivido di freddo. Se fosse impallidito Syano si poteva ipotizzare che avesse mangiato qualcosa di pesante e che gli fosse rimasto sullo stomaco. Ma la piccolina!
    Dai Paxxino, questo è un colpo basso, uno scherzo da prete, anzi no, uno scherzo da frate…..
    Restiamo comunque in trepida attesa dell’evolversi degli eventi….

    • @suzieq11

      uno scherzo da prete, anzi no, uno scherzo da frate…
      😆
      Ti sei superata!
      Hai ragione. Non ti nego che ho il difetto di scordare spesso la pentola sopra il fornello. Sapessi che scompigli per il mio povero stomaco sempre affamato e per il mio braccio che deve scrostare i fondi del pentolame!
      😆

    • Scrostare il fondo delle pentole? Un gioco da ragazzi, due dita d’ acqua e due cucchiai di bicarbonato di sodio, far bollire il tutto per un minuto e far riposare 5 minuti. Lavare il tutto. Due
      Funziona con qualsiasi tipo di tegame…. Forse funziona anche con te.

  7. Il periodo storico più importante, per l’affermazione dei servizi segreti come realtà socio-politica, è probabilmente dal XIX secolo in poi, infatti si è andato imponendo in modo sempre più preponderante il concetto di guerra totale, ragion per cui il ruolo dei “servizi” per il controllo del fronte interno è intuitivamente cresciuto di pari passo. (Wikipedia)

  8. Ancora una volta ci lasci con il fiato sospeso, in attesa di sapere cosa succederà. Piccoli particolari che lasciano immaginare ampi scenari, diverse motivazioni, svariate alternative da trovare. Non mi resta che aspettare…

    • @Stefy71

      Sì, una delle caratteristiche di questa serie, oltre alle già citate sopra come il flashback e il cliffhanger, è il colpo di scena; un continuo avvicendarsi di prospettive narrative differenti che a lungo andare convertiranno in un unico binario, dopo aver percorso tratte, apparentemente, parallele.
      Un sorriso per la giornata, compagna di compleanno.
      ^____^

  9. L’elemento caratterizzante dei servizi segreti, la segretezza, rende controversi le possibili distinzioni tra le definizioni di “servizio segreto”, “polizia segreta” e “agenzia di spionaggio” o di “intelligence”. (Wikipedia)

  10. Uno Stato ha la facoltà di fondare un servizio segreto con poteri di polizia (come l’intercettazione), escludendone altri. Una polizia segreta può coadiuvare un servizio segreto. Poteri e compiti di un’organizzazione governativa possono essere segreti o meno. (Wikipedia)

    • @Saray

      Non proprio durissima, dai. Per venire incontro alle esigenze di chi legge la mia narrativa a puntate ho dimezzato i tempi di aggiornamento.
      😉
      Felice sia di tuo gradimento, tienimi informato.
      Un sorriso per la giornata.
      ^___^

  11. Un’organizzazione segreta può operare apertamente nei propri confini e segretamente all’estero o viceversa. Diversi Stati hanno servizi segreti civili e servizi segreti militari, oppure servizi che si occupano della sicurezza interna al paese, e della sicurezza esterna, presso i paesi esteri. (Wikipedia)

  12. Ciao Key, sono rimasta indietro con la lettura, ma ti prometto che passo a leggerlo.
    Sono troppo belli i tuoi racconti per non farlo.
    Ciao ed a presto. *__* con un sorriso e grazie di passare sempre
    Magda

    • @luisa

      Decisamente non è un monastero molto tranquillo, quello in cui è finita la nostra protagonista.
      😉
      Un sorriso di sereno fine settimana a te.
      ^___^

  13. Fra i compiti principali del contro-spionaggio vi sono anche: interrogare i disertori (agenti, funzionari, politici, militari, …) provenienti da altri paesi per verificarne l’affidabilità. (Wikipedia)

    • @suzieq11

      Ma scherzi? ero sovvenzionato dallo stato alieno, ma il ministro Maremontiequattrostagioni mi ha tagliato la manutenzione e le ferie, il ministro Lettoabaldacchino mi ha tagliato l’acqua calda e il materasso, il ministro Bruscolonimiconsenta mi ha riempito il tinello di aliene e si è fatto fuori la dispensa. Sto aspettando Renzoelucia per dare il resto; tra poco volerò a forza di braccia…
      😦

  14. Uno scrittore degno di questo nome, ha il dovere di lasciare sul più bello i suoi lettori
    La suspense è un elemento che gioca sempre le sue meravigliose carte
    Bravo Key, aspetto il seguito per vedere se Padre Ignazio è ancora nella sua cella
    Buon fine settimana
    Gina

    • @sentimental

      In teoria dovrebbe essere una sorta di effetto a “elastico” – almeno stando a quanto detto da Baricco in una conferenza a teatro -. Non è una regola fissa, benchè utilizzata da molti altri, ma di sicuro aiuta a mantenere l’attenzione sulla storia.
      Grazie per il tuo apprezzamento.
      Un sorriso per un sereno fine settimana.
      ^___^

    • @Francesca

      Felice sia di tuo gradimento, ma non possiamo considerarlo un vero e proprio romanzo. Tieni presente che, per essere definito tale, si dovrebbe giovare di almeno un centinaio di pagine, mentre una volta terminata la stagione in corso saremo sulla trentina.
      Un sorriso per una serena giornata a te.
      ^____^

  15. La storia dello spionaggio, infatti, annovera casi in cui un’agenzia di spionaggio ha inviato in campo avverso finti disertori che, svelando informazioni vere insieme a tante altre fasulle, hanno compiuto un’opera di disinformazione tale da compromettere l’operatività e l’efficacia di chi lo aveva accolto (ad esempio facendo credere ed indirizzando l’individuazione di traditori che in realtà non lo sono o, al contrario, convincendo che non vi sono traditori quando in realtà ne esistono). (Wikipedia)

  16. Sorry Alberto, sono mancata da un bel po’ e non riesco a recuperare tutto… Anche questo racconto a puntate è avvincente (non mi attendevo il contrario, conoscendoti….)
    Si continua, senza sosta, ma penso già ad una vacanza a Berenice per ritrovare un po’ di caldo e tempo per scrivere…
    Non so quale Dio o demonio possa utilizzare empatia… tutto sfreccia ai lati, a volte mi sembra che le ore si siano fatte liquide come cerco di afferrarle…
    Abbraccio :-)c

    • @Giovannoni Claudine

      Come sostengo spesso, il nemico principale di chi legge, e anche di chi scrive, è il tempo. Si tratta di un nemico invincibile?
      No, almeno io non credo. Temibile e ostico sì, però è possibile vincerlo.
      Io ho delle tecniche personali che mi consentono di batterlo quasi sempre.
      Se proprio hai delle difficoltà in merito e non ti sarà sufficiente la vacanza a Berenice, per scrivere e tornare a leggere con costanza, fammelo sapere.
      😉
      Un sorriso per una serena giornata.
      ^___^

    • Solitamente adoro i consigli dei saggi e sempre ne faccio tesoro! Quindi sono pronta a seguire i tuoi… spero che a Berenice ci sia wifi e che la mia mamma (ha 80 anni) non mi tormenti come usa fare da 50 anni, trattandomi sempre come una bambinetta! 😀
      Però non sortir nessun leprotto dal cilindro: le ho provate tutte… è che adesso inizio anche ad avere effetti collaterali con la perdita di memoria. Grazie di vero cuore… Un bacio a te :-)c

    • @Giovannoni Claudine

      Un abbraccio alla tua mamma.
      Il tempo disponibile è questione di organizzazione. Dice il maestro Battiato che per fare tante cose in una giornata è sufficiente sacrificare mezz’ora di sonno; ogni nuovo giorno ti ritroverai con 30 minuti in più di concretezza.
      Un sorriso per una serena vacanza.
      ^___^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...