Colui che vola di notte

colui_che_vola_di_notte

Il valore di un uomo è mostrato dalla sua identità o da quello che rappresenta?” Con questa provocazione, diverso tempo fa, pubblicavo un mio “cinguettio” su quello che rimane, di fatto, il mio social network preferito; Twitter. Tralasciando le considerazioni sui vari social – con cui vivo un personale rapporto conflittuale -, posso invece svelare che quel tweet fece riferimento a una importante figura nel panorama dei Nativi americani; Grey Owl (letteralmente; colui che vola di notte). Era una guida che svolgeva il suo incarico nel Canada settentrionale, nei primi decenni del Novecento. Ma Grey Owl non era soltanto questo; è stato anche un importante scrittore del panorama degli indiani d’America. Dopo l’abbandono della sua principale attività lavorativa, quella della caccia ai castori, il Nativo dalla pelle chiara e dagli occhi azzurri, conobbe una straordinaria popolarità come autore e conferenziere internazionale, diventando una delle voci più importanti nella salvaguardia animalista e ambientalista. Raccontava di essere un mezzosangue, adottato in Canada da una tribù di Chippewa, con radici da parte di padre scozzesi, e Apache da parte di madre. Nel centesimo anniversario della sua nascita, è stato piantato un acero rosso nel cortile della Hastings Grammar School e, successivamente, nel 1997, il sindaco di Hastings ha inaugurato una targa commemorativa presso la sua antica casa natale. In realtà, di Nativo americano, come si scoprì due anni prima della sua morte, avvenuta a soli quarantanove anni per polmonite, Grey Owl non aveva nulla. Il suo vero nome era Archibald Stansfeld Belaney e le sue origini erano inglesi – si tingeva i capelli di nero per nascondere la verità -. Venne abbandonato dai genitori e affidato alle cure della nonna paterna e di due prozie, in Inghilterra. Studiò con eccellenti risultati in inglese, francese e chimica e fuggì di casa appena diciassettenne, imbarcandosi per il Canada. Bambino introverso con una passione viscerale per i Nativi americani, Archibald tentò così di coltivare il suo sogno; vivere libero nella foresta, come un vero indiano d’America di altri tempi. Quando la sua identità venne a galla, il giornalista che si trovò la scottante notizia per le mani, dovette affrontare un grosso problema; rivelare la verità al mondo intero e rendere vani gli sforzi in cui Archibald Grey Owl si era prodigato, sensibilizzando l’opinione pubblica con notevole successo, oppure fare finta di nulla? Il giornale strinse un muto patto; rendere nota l’identità di Grey Owl soltanto dopo la sua morte. Avevano compreso di come, nonostante fosse un falso, i suoi sforzi e i risultati ottenuti, erano reali e profondi. Archibald rappresentò il primo vero ambientalista ed ecologista della storia dei Nativi, catturando l’attenzione di milioni di persone. Nel 1999, sulla sua vita, ne venne tratto un appassionante e toccante film interpretato da Pierce Brosnan, sfiorando tematiche ancora oggi attuali e terribilmente significative nei confronti dell’ambiente in cui viviamo. Cacciava i castori, prima della notorietà, ma soltanto quelli adulti, rispettando la prole e commerciando solo per sopravvivere, imbattendosi in trappole, dei bianchi, costruite con veleno e dinamite e in grado di falcidiare l’ecosistema.
Non conosco alcuna specie di pianta, uccello o animale che non si sia estinta dopo l’arrivo dell’uomo bianco. L’uomo bianco considera la vita naturale degli animali come quella del nativo su questo continente: come un fastidio. Non c’è alcun termine nella nostra lingua con il significato di “fastidio”.
– Orso in piedi (Lakota Sioux) –

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2015. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Grey Owl 1999” ourrelease.org

40 risposte a “Colui che vola di notte


  1. ****************************************************************************************************
    —————————-BlogTour di Caprice e il cavaliere —————————
    Partecipi alla presentazione di Caprice?
    Puoi farlo anche da casa e vincere i premi in palio!
    Le trovi QUI
    … e lascia il tuo commento su albertocamerra.com
    😉
    ****************************************************************************************************

  2. Sempre interessanti i tuoi post sui Nativi americani. Storie, culture riportate nei films, che tu ci rendi ancora più interessanti. Facile scivolare dentro certe storie e riflettere. Una buona giornata compagno di compleanno.

    • @ Stefy71

      È un mondo talmente vasto, e ancora non molto conosciuto, che non è difficile trovare argomenti da proporre. Il difficile è reperirne di originali, o comunque meno discussi.
      L’augurio per una serena giornata, compagna di compleanno.
      ^____^

  3. Vorrei tanto essere una nativa americana caro amico mio, ma purtroppo non ho neppure le caratteristiche somatiche.
    Ho visto il film, letto sul personaggio e mi interesso sempre di queste storie così profondamente umane e con una filosofia di vita straordinaria!
    Bacio!

    • @nella

      È un film, come diversi altri, che ha raccolto meno di quanto meritasse. Anche il personaggio, realmente esistito, dovrebbe essere oggetto di ulteriori riflessioni; perché le tematiche affrontate sono molto attuali.
      Sono però argomentazioni scomode, per le nostre società così radicalmente basate su business e pro(re)gresso.
      L’augurio per una solare giornata a te.
      ^____^

  4. Nel giugno del 1997, il sindaco di Hastings ha inaugurato una targa commemorativa sulla casa al numero 32 di St James Road, dove Belaney nacque. Presso l’Hastings Musuem di Summerfields, è inoltre presente una ricostruzione della capanna canadese di Grey Owl.
    (Wikipedia)

  5. Come sarebbe tutto più a “misura umana ” se ci fosse il rispetto oggi più che mai dei tempi in natura “ecosistema ” un parolone che piace e …giace !
    Io solo Twitter,
    Sherabbraccicaricari 🌷🍀🌹

    • @sherazade

      Twitter meriterebbe più attenzione di Facebook, a mio avviso. La sintesi però non è dono riservato a tutti. Sebbene, sul faccialibro, si leggano, certe volte, “post” così corti da risultare tranquillamente idonei per l’uccellino azzurro.
      Felice giornata a te.
      ^__^

    • Infatti caro amico Leopard a suo tempo “provai ” fbi e lo richiuso avendo già allora molti dubbi .
      Un cinguettio al giorno mi piace 🐦🐦🐦. Se credi mi trovi come renyrome
      Sherabelsolepulitoggi

    • @sherazade

      I dubbi sono sempre tanti, specie quando si trovano troppe persone che utilizzano uno pseudonimo: Facebook è nato per avvicinare le persone reali, non per divulgare i nickname.
      L’augurio per una buona serata a te.
      ^__^

  6. Quanto è vero… noi uomini “calpestiamo” tutto e tutti e men che meno rispettiamo la terra. Mi ci metto dentro anche io perchè un tempo ero molto menefreghista sotto certi aspetti. Ho imparato sulla pelle quanto questa vita, con le sue esperienze possa aprire gli occhi e sensibilizzare su diverse tematiche non importanti, ma fondamentali per la sopravvivenza di questo nostro pianeta. Perciò prego che possiamo aprire sempre di più gli occhi, rendendoci conto che la vita, qualsiasi vita, essendo tale, va rispettata ♥
    Un carissimo saluto e a presto! 🙂

    • @Viviana Re Fraschini

      Il problema è molto preoccupante. Tra pochi anni, già ora siamo su quella strada, ci sarà una crisi di sovraffollamento mondiale, dovuta in larga parte alla moltiplicazione degli abitanti del terzo mondo. Mentre le risorse naturali caleranno. Se non si adotterà un tenore di vita radicalmente diverso da quello attuale, la prospettiva è quella di guerre per carestia. Speriamo davvero che il cambiamento di rotta sia imminente.
      Felice e serena giornata a te.
      ^_____^

  7. Non un vero nativo di nascita, ma nel cuore e nel pensiero lo era veramente. Un esempio di come le persone non sono quello che nascono, ma quello che pensano, quello che vivono, quello che di saggio sanno lasciare nel tempo ad insegnamento per gli altri.
    Un caro saluto e un sorriso, Pat ^___^

    • @Patrizia M.

      Archie Belaney si è rivelato più vero di molti altri ipocriti patinati, che nascondono dietro una facciata di perbenismo i loro sentimenti più egoistici. Penso ai politici, per esempio, imbonitori abilissimi a vendere fumo senza alcuna concretezza.
      L’augurio per una lieta serata a te.
      ^_____^

  8. Recentemente la Warner Bros Entertainment ha devoluto diecimila dollari al Wilfred Peltier Memorial Scholarshipistituito presso la Carleton University di Ottawa, in segno di gratitudine per il prezioso contributo durante la fase preparatoria del film.
    (Wikipedia)

  9. Diretto con precisione da Richard Attenborough (uno che di biografie se ne intende visti i risultati ottenuti con Gandhi e Chaplin), il film riporta fedelmente la vita di Archie Belaney, personaggio che tanto piaceva al regista e a suo fratello (documentarista affermato in materia di animali) fin dall’infanzia, e si avvale soprattutto delle spettacolari immagini girate negli spazi naturali del Mastigouche National Park e sul lago Massawippi.
    (filmup.leonardo)

  10. Avendo una passione per la storia dei nativi d’America, non al tuo livello ma come parte del mio bagaglio conoscitivo e culturale, avevo letto di questo personaggio, non ho visto il film e poi come accade in molte cose altre sono quelle che in quel momento t’interessano e quindi altre vanno messe in ordine pronto a ricomparire come in questo caso. Mi sono ricordata bene ed ora voglia riprendere quanto messo da parte e cercherò qualcosa da leggere di e su di lui.
    Buona fine settimana un sorrissone grandissimo.

    • @edvige

      Per prima cosa, mi sentirei di consigliarti di recuperare il film. Penso sia tranquillamente reperibile in dvd, magari anche a noleggio; altrimenti dovrai pazientare che qualche canale digitale lo ritrasmetta (sebbene, non essendo titolo di particolare richiamo, l’attesa potrebbe essere molto lunga). Poi ci sarebbe questo titolo in inglese (non so se sia stato tradotto in italiano). Se invece vuoi leggere sui nativi americani, non dimenticarti il mio romanzo QUI.
      😉
      L’augurio per una felice serata a te.
      ^___^

    • PS. Ho scaricato….il film bellissimo. Per il resto vado a vedere e..dimenticavo la natura prima o dopo si ribella e ripristina gli equilibri il passato c’insegna. Ciaooo

    • @edvige

      Felice che il film ti sia piaciuto. Sicuramente hai ragione, riguardo la rivalsa della natura; stiamo sprecando occasioni su occasioni.
      Attenderò che leggerai il… resto.
      😉
      Un sereno fine settimana a te.
      ^___^

  11. In Grey Owl – Gufo Grigio si vede che l’interesse e la passione del regista per la storia è notevole, ma probabilmente commette l’errore di puntare un po’ troppo sulla storia d’amore tra i due protagonisti, senza però tralasciare gli altri particolari.
    (filmup.leonardo)

  12. almeno lui è riuscito a ritrovare nella natura la sua identità e ha vissuto felice proprio perché parte nella natura stessa. Come i nativi americani d’altronde, mentre noi ci siamo perduti in un sistema irreversibile fino al punto in cui la natura si ribellerà, e non ci sarà scampo…

    • @il barman del club

      La natura si sta già, ahìnoi, ribellando. Il problema è solo capire se davvero ci resta ancora tempo per un cambio brusco e deciso di rotta, o se siamo destinati a un inesorabile declino, come accaduto a chi abitava questo pianeta prima di noi; i dinosauri.
      Felice serata a te.
      ^___^

  13. Un articolo veramente interessante. Forse, personalmente non avrei voluto sapere la verità. In questo modo si sarebbe conservato il fascino del personaggio e preservato il suo insegnamento. In fondo, cosa poteva interessare l’origine di un uomo se lo stesso osservava esattamente le regole del vivere secondo il popolo che rappresentava?

    • @49mimosa

      Il problema infatti non si è manifestato da parte dei nativi americani, che apprezzavano il valore dell’uomo, ma da parte della società cosiddetta civile: sempre pronta a demonizzare e incriminare il prossimo.
      Felice fine settimana a te.
      ^___^

  14. “Non sono un eroe, nè un profeta. Come molti di voi ho fatto del mio meglio per sopravvivere. La sola cosa che mi da il coraggio di stare qui davanti a voi, stasera, è la consapevolezza, la certezza, che quello che vi dico è vitale per la nostra sopravvivenza.”
    (Grey Owl – Gufo Grigio: frasi)

  15. Buongiorno Key, vivo in campagna da abbastanza tempo e convivo meravigliosamente con la natura e gli Animali ( gatti, cane, galline, conigli etcc…
    Odio ( veramente) chi offende, ferisce e uccide Animali e Natura
    La storia di Archibald non solo è bellissima dal punto di vita umano ma ci lascia una grande Lezione di vita: amare e rispettare la Natura è vitale per tutti, Uomini e Animali

    Buon fine settimana, Alberto, grazie
    Sentimental

    • @Sentimental Blog

      Certo, il rispetto per la natura dovrebbe essere uno dei valori insostituibili per ogni uomo del pianeta. Così non è, purtroppo. Manca la cultura e la volontà necessaria. Oltre a un’indispensabile pazienza a imparare.
      L’augurio per un sereno fine settimana a te.
      ^___^

  16. “Non siamo i padroni della terra, siamo i suoi figli. Giacciamo nel grembo della creazione, tra le forti braccia di uno spirito più grande del nostro.”
    (Grey Owl – Gufo Grigio: frasi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.