Lila e il regalo di Natale

Avere un fratello più piccolo, anche se solo di tre anni, testardo e ribelle, non è esattamente la cosa migliore, per una sorella in difficoltà: Lila lo stava imparando a proprie spese.
«La prossima volta che rinasco, chiedo a mamma di prendermi un pony: meglio un quadrupede di un tredicenne profittatore» mormorò la giovane dai capelli ramati, osservando il panorama dalla cima del Gargano. Monte Sant’Angelo toglieva il fiato.
Dalla bocca di Lila usciva però sotto forma di nuvolette.
Quando la finirò di battere i denti? Si chiese e rimproverò se stessa per averne parlato con il fratello. Arturo voleva interpretare il ruolo di Alban Arthuan, la luce di Artù, indicata dai druidi. Benché ritenuta minore nella Wicca*, Lila ci teneva a celebrare la festa di Yule nel solstizio d’inverno: come da tradizione, aveva bruciato un pupazzetto rosso; il Saturnalicus Princeps raffigurato dalla carta matta dei tarocchi. Sperava così di eliminare la follia e il disordine nella sua vita.
In una sacca di juta caricata sulle spalle, la giovane aveva raccolto rosmarino e zenzero, salvia e altre erbe, insieme a cristalli di quarzo, candele, noci e frutta. Il tempo trascorreva lento e irritante, senza che Arturo arrivasse.
Sarà alle prese con i ritardi cronici della linea ferroviaria, si disse Lila, spazientita.
Il sole stava morendo a ovest e disegnava una linea rossastra calante, sfumata nel giallo ocra e mescolata al turchese dell’orizzonte. La giovane decise di non poter attendere oltre. Prelevò le candele dalla sacca e le mise a terra, accendendole, dispose le erbe con cura attorno ad esse, masticò la frutta e mormorò le frasi apprese dalle fattucchiere.
«Visita interiora terrae rectificando invenies ocuitum lapidem**» disse, inginocchiata sulla roccia fredda. Quindi tracciò delle linee geometriche, spruzzò del sale, versò olio e bisbigliò un’altra serie di frasi esoteriche, omaggiando Ceridwen, la leggendaria strega regina dell’inverno. Il lieve pizzicore che le prendeva il corpo era però ambiguo: si trattava dei fluidi occulti ridestati dal rito oppure dalle correnti gelide che scendevano dal Gargano e sferzavano Monte Sant’Angelo?
Improvviso, nell’aria si sollevò il nitrire di un cavallo.
Lila scrutò tra i nudi speroni rocciosi, verso il centro abitato poco lontano. Nulla. Ognuno doveva essere rintanato nella propria casa, per proteggersi dal freddo opprimente. La giovane abbassò il capo e ripeté le frasi del rito. Il cavallo tornò a farsi sentire e si mostrò: balzò fuori da una vicina stalla in disuso e galoppò verso di lei. Sulla groppa portava un cavaliere in armatura, con tanto di elmo abbassato, scudo al fianco e giavellotto al braccio destro. Lila impallidì incredula, incapace di muovere un solo muscolo: il sortilegio aveva funzionato. Contro qualsiasi nefasta previsione, l’aspirante strega era riuscita a evocare lo spirito di re Artù. Gioia e costernazione le riempivano l’animo. Se soltanto avesse atteso, forse il fratello sarebbe stato testimone del suo trionfo.
«Non vedo. Sono orbo. Il mio regno per una direzione!» I pensieri si bloccarono con la caduta del cavaliere dal cavallo bianco. L’ometto, goffamente, rotolò su un cespuglio perdendo la presa sulle redini e smarrendo l’elmo da sopra la testa.
«Arturo?» disse Lila, riconoscendolo immediatamente.
Lui la guardò triste, mentre si massaggiava il fondoschiena dolorante.
«Come ti sei combinato? Da dove salti fuori?» chiese lei.
«È… il mio regalo di Natale. Volevo farti una sorpresa, nel caso il sortilegio avesse avuto il solito esito» rispose Arturo.
Lila comprese, in un attimo le fu tutto chiaro. Il fratello aveva rotto il salvadanaio per aiutarla nel tornare a casa e toglierla dai guai. E le aveva ricordato la prima vera grande magia a disposizione di ogni uomo: l’amore.
Ricacciò indietro le lacrime e lo abbracciò forte.

*Religione della natura
**Visita l’interno della terra, purifica il tuo essere e troverai la pietra nascosta.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Red Hair Girls” archivio web
Nella ideale parte di Lila ho scelto dal 2017 Chloë Grace Moretz.

Annunci

28 risposte a “Lila e il regalo di Natale


  1. ****************************************************************************************************
    —————————— Torna ESDY in seconda edizione —————————-
    L’eroina che ha segnato cinque stagioni su questo blog, torna finalmente in un eBook riveduto e corretto, che comprende tutte le stagioni!
    In esclusiva digitale e in tutti gli store!
    L’eBook è salito al primo posto, per una settimana consecutiva, tra i bestseller di Amazon.
    Che aspetti? Eccola QUI
    😉
    ****************************************************************************************************

  2. Nell’aria, sulle valli, sotto le stelle, sopra un fiume, uno stagno, una strada, volava Cecy. Invisibile come nuovo vento di primavera, fresca come il respiro del trifoglio che si alza dal campo al crepuscolo, volava.
    (Ray Bradbury)

  3. bellissima anche questa , dove l’amore che sembra sempre sopito , invece spunta spesso coperto e silenzioso ma ancora più intenso che mai.
    Questa è una tua testimonianza, sempre intensa e sentita
    Grazie mio KEYPAXX,
    UN SORRISO NELLA NOTTE MAGIA

    • @nella crosiglia

      Grazie a te per il tuo sempre generoso apprezzamento. Sì, alla fine, la lunga ricerca di Lila si è conclusa con la scoperta della vera magia, dentro il cuore di ogni uomo.
      L’augurio per una serena giornata a te.
      ^____^

    • @Stefy71

      Vero, compagna di compleanno: questa è la reale magia a disposizione di ogni uomo, basta solo saperla estrarre dal cilindro.
      L’augurio per una serena giornata a te.
      ^____^

  4. Grazie Key, mi sono immersa in questa favola fantastica. Un peccato uscirne. Bellissima… si sente che ci hai messo il cuore. Buon Natale e grazie per i tuoi passaggi da me. ^_^ Buon Natale di cuore

    • @Saray

      Vero, come dici tu. È l’ultima parte di questa serie, quella che hai appena letto, senza dubbio la più dolce e sentimentale.
      🙂
      L’augurio di un meraviglioso Natale anche a te.
      ^_____^

  5. Poi Desiderata divenne una strega. E uno dei vantaggi minori dell’essere una strega è sapere esattamente quando morirai, perciò puoi indossare la biancheria che preferisci. (Il che la dice lunga sulle streghe.)
    (Terry Pratchett)

  6. Bellissimo! la chiusa, poi, è perfetta per il Natale. Il vero dono, la vera magia è proprio l’amore e quello tra fratelli è sicuramente tra i più forti.
    Buon Natale, Key e gioiose festività.
    Marirò

    • @ili6

      Sì, ho sempre desiderato avere una sorella e penso che qui venga fuori, tra le altre cose. Sono quei legami che, al di là di tutto, ci tengono uniti per un’intera vita.
      🙂
      L’augurio di una serena continuazione anche per te.
      ^_____^

  7. Le streghe non sono mai esistite, tranne che nella mente delle persone. Tutto quello che c’era nei tempi antichi era alcune donne e uomini che hanno creduto nelle cure a base di erbe e nel folklore e nella voglia di volare. Streghe? Siamo tutti streghe in un modo o nell’altro. Siamo tutti streghe sotto la pelle.
    (Ian Rankin)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.