Il libro di Esdy

spacey_ebook

Il 2013, e il 2014 adesso, rappresentano un momento importante per le mie pubblicazioni. Dopo un esordio, da autore indipendente, in brossura (cartaceo) di Fiori nella Neve, seguito due anni dopo da Al & Bo – la costola di Adama, entrambi i titoli sono stati proposti in formato digitale (eBook) proprio a metà dello scorso anno. Il libro elettronico può piacere o non piacere, ma è per la scrittura quello che il cd prima, e l’mp3 poi, sono stati per il disco in vinile: un grosso e importante passo in avanti. Gli estimatori della carta ci sono e ci saranno sempre, come giusto, tuttavia sarebbe bello giudicare qualcosa dopo averla conosciuta nel modo migliore. Se appartieni a queste persone, prova l’esperienza di lettura degli eBook. Senza però limitarti al telefonino, al tablet o al pc: concediti la lettura sopra un eReader Kindle o Kobo – tuo o prestato da un amico/parente – e ti renderai conto, soltanto allora, di cosa significhi leggere digitale. Non intendo abbandonare la pubblicazione cartacea, sia chiaro, e nemmeno la ritengo superata – come non giudico superato il disco in vinile -. È tuttavia un’opportunità diversa e dalle differenti potenzialità. A partire dal prezzo: un eBook costa mediamente, se l’editore o l’autore indipendente sono onesti, la metà e persino meno rispetto al corrispettivo in brossura. Lo puoi avere nel giro di pochi minuti; senza nessuna coda in centro o l’attesa di settimane dopo l’ordinazione. Non occupa nessuno spazio; e se abiti in un ambiente dalla architettura contenuta sai cosa significhi. È ecologico; non occorre abbattere alcun albero per produrne a migliaia. Il motivo che mi ha portato a decidere di proporre Esdy, esclusivamente in formato digitale con la partneship di Amazon, leader mondiale dell’editoria, non è soltanto tra quelli che ti ho elencato. È da ricercare anche nella struttura della serie e nel suo contenuto. Esdy non offre materiale inedito, ma presenta quanto pubblicato tra le pagine di questo blog – con i dovuti accorgimenti e adattamenti del caso -. Lo possiamo definire perciò non solo un eBook ma un Blook: Il termine “blook”, come cita l’insostituibile wikipedia, “è un neologismo internazionale, formato per sincrasi dei termini inglesi blog e book (“libro”), usato per definire dei libri basati su materiale precedentemente pubblicato su un weblog.” In questa etichetta blook intendo offrire, a prezzo sempre inferiore ai due euro, serie complete, racconti e quant’altro, postati parzialmente o interamente a puntate/episodi in rete ma che non sono mai stati confezionati in un unico volume. Ecco perchè occorre il tuo sostegno: sono opere che hai scritto di apprezzare e amare, le conosci e sai quindi di leggere qualcosa di tuo gradimento.
I blook saranno disponibili per l’acquisto solo sul Kindle Store.
Non possiedi l’eReader Kindle?
Puoi avere anche tu il blook!
Ti è sufficiente scaricare l’applicazione gratuita messa a disposizione da Amazon! La trovi a questo LINK.
Potrai quindi leggerlo senza nessun problema su cellulari, computer, e tablet.
Preferisci averlo su un eReader (Kobo, Leggo IBS, Sony ecc.) già in tuo possesso ma che non è il Kindle?
Acquista l’eBook su Amazon e poi scrivimi QUI.
Provvederò personalmente a sostituirtelo con un eBook leggibile per il tuo eReader.
Se invece lo hai acquistato e già letto, aiutami a divulgarlo scrivendo la tua recensione al paragrafo “recensioni clienti”, in fondo pagina, a questo LINK.

esdy_ebook_kindle

eBook  |  Edizioni Kindle Direct Publishing

ASIN: B00GYS4XLY |  Prezzo €1.99
Prima edizione in eBook 2013

Acquisto su: Amazon Kindle Store

Autore testi: Keypaxx © Copyright 2006-2014. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Kevin Spacey” sconosciuto.

Annunci

La formula delle vacanze

Ogni cosa ha una sua formula. Non ci credete? eppure è così. La matematica non è un’opinione. Esiste una formula per il lavoro, una formula per lo studio, una formula per il tempo libero e persino una formula per l’amore. Si, c’è anche una formula per questo sentimento.
Ma il sentimento non è matematica, direte voi, è pura passione, è follia, è divertimento, è affetto. Vero, ma è anche altro; è una formula. Come sosteneva il Dottor Harry Wolper (non vi dico chi è, vi lascio con questo quesito) esiste la formula dell’amore, ed è molto semplice;
consiste nel considerare quante volte, nell’arco della giornata, pensi alla persona che ami invece di pensare a te stesso.
Se le volte in cui pensi a lei sono superiori rispetto a quelle in cui pensi a te, significa che l’ami.
E io parto svelandovi la formula delle vacanze.
Una formula molto semplice e composta da quattro elementi fondamentali:

1

https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media0d04bcddd0a90101a809775f7027110a.jpg


2

https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediab9d92a944e4132e8ff8fb967d3e6f10b.jpg
3
https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediaaab3557a28a938e462d71e8e1d1bd368.jpg


4
https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediac335798f6d2087bc823d98266a4d001b.jpg



… et voilà! ecco il segreto per passare delle
buone vacanze
!
Composta la formula? io si, guardate come sono carino!

https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media7fc683f187b0c0a70594c9cf8fa6096c.jpg


Ci risentiamo!
Un sorriso a tutti.
^____________^

Break…

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediaa9ee2758540d964a430c2ffe6ffde86d.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.


Siamo arrivati, sudando sudando (ma un alieno suda? si, credetemi, ahimè..) nel pieno della stagione estiva.
L’estate è ancora nell’aria, ma il ferragosto rappresenta il suo giusto giro di boa. Un piccolo break me lo voglio proprio prendere. In estate si legge anche più volentieri del resto dell’anno, ma lo si fa sotto un’ombrellone, oppure all’ombra di qualche cipresso montano. Tenendo saldamente tra le mani quel libro che per mesi avremmo voluto leggere ma non abbiamo mai avuto il tempo di farlo. In questo periodo insomma, la rete lascia posto all’aria aperta, ad un clima spensierato. Alla voglia di staccarsi da un monitor che ribolle ed emana altro calore, oltre al calore naturale della stagione che stiamo vivendo. Che questo scorcio di agosto possa regalarvi giornate intensamente radiose, nell’attesa di riprendere le attività autunnali. L’alieno sale sul disco volante e prende il volo; ho bisogno di farmi un giretto nello spazio inserendo il pilota automatico, con le gambe comodamente stese sulla consolle e le braccia piegate dietro la zucca.
Arrivederci a voi, appuntamento sempre su queste colonne e sulle vostre, tra una manciata di giorni.
Perchè anche se sta finendo, che sia un’estate grandiosa!

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media507df18daaa873ceca4e50f9a2a2cd9c.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.

L’estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
lo sai che non mi va.
In spiaggia di ombrelloni
non ce ne sono più
è il solito rituale
ma ora manchi tu.  
Languidi brividi
come il ghiaccio bruciano
quando sto con te.
Baciami
siamo due satelliti
in orbita sul mar….

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediacc0cba05859518368084a05debc64743.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.



Autore testi (escluso
L’estate sta finendo – Righeira ©): Keypaxx © Copyright 2009. Tutti i diritti riservati.

2009: l’anno del… contatto

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media3ed69e07d722f0055291ce77afb31d21.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media2019081a20951ccd9c12133fb810c7b2.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediab382cd4da853955ab181bbcc7b773c63.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

A volte può capitare che nella vita ci siano delle sequenze parallele. “Sequenze” si, perchè dopotutto viviamo con gli stessi interrogativi di una trama cinematografica: possiamo progettare, pianificare scrupolosamente scena dopo scena, ma l’imprevisto si nasconde dietro l’angolo, in attesa di giocare le sue carte.
La vita è un circolo di circostanze serrate dove la fortuna si presenta sotto forma di opportunità, di scelta del giusto tempo, di “sequenze” parallele.
Alcune, molto grandi, sono arrivate e passate senza lasciar segno alcuno: perchè il montaggio non era ultimato, la macchina da presa non era ancora posizionata. Ne sta giungendo una nuova, come testimoniano le immagini che ho postato (ma che al momento forniscono solo una chiave criptica e forse un po’ fuorviante), una “sequenza” che sta maturando e si sta abbinando al suo parallelo.
In questo 2009 prenderà la giusta forma e, finalmente, dopo tanta attesa e delusioni, dopo tanti rinvii questo sarà il suo anno.

Quindi buon nuovo anno, pace e prosperità a voi.
Un sorriso.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media06f668f19a18e1de56445054f4a9a72d.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Al cinema

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media6c4496e538fa1aee88f78a3df23bfee6.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


Gli alieni vanno anche la cinema. Lo sapevate?
Siedono di fianco a voi e non mangiano pop-corn preferendo il tè alla pesca. Rigorosamente fresco a bagnare il gargarozzo dopo una estenuante chiacchierata. Ricordo Wolf-la belva è fuori.
Un film con l’istrionico e da me adorato Jack Nicholson e la bella e brava Michelle Pfeiffer. Eravamo in quattro. Tra di noi un ragazzo, tal Fabio che (udite udite) non si era mai avventurato una sola volta in vita sua al cinema.
I motivi non li ho mai approfonditi. La presi come una notizia inusuale. Probabilmente non è il primo nè sarà l’ultima persona con questa peculiarità. Ma, per un divoratore di pellicole cinematografiche come il sottoscritto, rappresentava un’eccezione alla regola.
Le luci si fanno soffuse. Alcuni spettatori tra le file anteriori si mettono a discutere. Dapprima moderatamente. Poi in maniera accesa. Di cosa discutessero non lo rammento.
C’era una donna insieme a loro. Forse erano stati morsi dal lupo mannaro che morse Nicholson. Non lo ho mai saputo. Poco prima che calassero le luci però, uno dei due ha calato le mani sull’altro.
Non manate o schiaffoni. Ma cazzotti veri e propri.
Roba da pugilato senza guantoni. Noi in mezzo cercammo di separarli. Naturalmente dopo i primi diretti ed uppercut. Il solo Fabio rimase allibito ad osservare. Un battesimo di fuoco per lui. Credo che, da allora, sian trascorsi molti altri anni prima che ripetesse l’avventura.
Se al cinema ci è mai tornato…

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media274332601205835eabcfcf13b4a53612.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Autore: Keypaxx © Copyright 2008. Tutti i diritti riservati.

Gite fuori porta

Ci sono posti particolari nella vita di un alieno. Posti che possono essere visitati anche da chi alieno non è. Posti che riescono a trasmetterti spensieratezza e voglia di giochi. Ho la fortuna di abitare, relativamente vicino, ad uno dei parchi divertimento tra i più famosi in Italia; Gardaland.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediaee2dbd3d7f2e9a7d478ffbf52987b491.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Lo ho scoperto sul finire degli anni ottanta, quando ci sono stato per la prima volta. Da allora, periodicamente, ci ritorno ogni tanto.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media09037de25b94c684a1ac86bea3b4b1b9.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Sebbene l’attrazione che più di qualsiasi altra mi abbia colpito e che reputo da sola valga almeno metà del prezzo di ingresso, rimane quella de I Corsari.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media5c5b58d505c2cdd74befc7836311f4ec.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


Se ci fate un salto vi potrete immergere in “zone a tema” che vi riporteranno nel vecchio West, tra i faraoni egizi, sulle orme di Atlantide. Oltre che in una serie davvero nutrita di aree con il teatro, il PalaBlu con delfini e otarie, ben tre diverse serie di montagne russe, e persino il più grande cinema quadrimensionale in Europa; Time Voyager. Per coloro che non lo hanno mai visitato, posso solo garantire che non basta un giorno intero per riuscire a visitare tutte le attrazioni del parco (si estende su una superficie di 600.000 metri quadrati). Io nel frattempo sorvolo con il mio disco…

Alien lake

Unire l’utile al dilettevole: quando si è costretti a mollare tutto in fretta e furia, se si ha la fortuna di precipitarsi in un luogo meraviglioso come la vicina Svizzera, e si riesce a ritagliare uno spicchio di tempo per goderne. Il lago è magia, almeno per me che lo amo.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediaba42b07d629e5f957b01c5096f732915.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Posti dove l’afa e la canicola estiva ed il clima tropicale a cui dobbiamo adattarci sempre più, sembrano non esistere. Il verde li respinge e l’acqua li dissipa disperdendoli altrove. Si avverte solo un leggero e fresco venticello che si insinua tra i rami. Che smuove dolcemente la superficie del lago. E allora altro non rimane che raccogliere il regalo e tenerlo stretto, farne tesoro.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediac9ebbc90028a3df52cb199f799262ad4.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


Si vorrebbe non lasciarlo mai, si vorrebbe respirare a pieni polmoni e riempirsi le narici della fragranza della natura. Quella vera, quella che ancora resta stupendoci della sua disarmante semplicità. Perchè alla fine sono le cose semplici quelle più preziose. A formare una personale collana di perle rare che ci porteremo al seguito negli anni a venire.
La fortuna è che due di queste perle sono un paio di occhi che ti guardano.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media339193cbe2cbd2f07e5d8d6f59ae66bf.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Il visitatore

E’ arrivato così. Inatteso ed imprevisto. Ho aperto il balcone della mia camera da letto ed era lì che mi guardava. A meno di mezzo metro da me, sopra l’asse del ferro da stiro. Sono sorpreso e resto immobile. Lui anche, inizialmente. Mi guarda e annusa l’aria. Poi, a scatti brevi, svicola via. Si aggrappa alla ringhiera e balza sull’olivo vicino, scivolando lungo i rami e fermandosi su quello più esterno e lontano.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media24b40f7759bda582b7e2db35619891c2.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

“Non riuscirò mai a fargli una foto!” penso “Ora che raggiungo il cellulare o la mia digitale, sarà già sparito…”.
Ma tento lo stesso. Prima con il cellulare, poi persino con la macchina fotografica. Perchè lui (o lei) ha deciso di rimanere e di concedermi degli scatti, prima di spiccare un balzo nel pino vicino.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media2c84979e089d53741bae65769303b27b.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


“Bene, ti ringrazio per le pose!”
gli dico mentalmente, pensando a scaricarle a computer.
Ma “il modello” ha deciso che oggi è disponibile. Complice la mia gatta, si rifugia nuovamente sul mio terrazzo e ci rimane per una nuova sessione di fotografie. Dite che mi chiederà delle copie per il suo portfolio?

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media363e2c426f6858ca39c4c124e32895e3.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Follie della adsl…?

Insomma, cari keypaxxiani, non so più cosa pensare.
Mercoledì 12 settembre, mi salta l’adsl.
Ho un contratto con il gestore wind/infostrada (eh già, talmente preciso che di preciso.. manco hanno il nome). Un gestore che, da agosto, dopo un annetto e mezzo soddisfacente, mi sta letteralmente facendo impazzire!

Ad inizio agosto, infatti, il primo "inghippo": una domenica mattina, la linea non funge. Dopo vari tentativi mi decido a chiamarli (titubanza dovuta al fatto che, avendo sottoscritto un contratto "base", l’assistenza me la snocciolano a pagamento, senza numero verde, insomma).
Mi mettono in contatto con un tecnico androgeno (ancora oggi non saprei dire di preciso se uomo o donna) che si preoccupa principalmente di correggermi la difettosa pronuncia inglese, anzichè sistemarmi il guasto.
Seppure a fatica, dopo una ventina di minuti di controlli, salta fuori che è la linea infostrada ad avere dei problemi (per saperlo, ovviamente, volevano farmi pagare. Passando l’intervento per ‘assistenza’. Cosa che mi sono rifiutato di fare con un legittimo reclamo).

Tornando alla storia recente, quella di mercoledì, per evitare un altro tentativo di ‘estorsione legalizzata’ contatto, invece dell’assistenza, la fatturazione. Per avere notizie riguardo il mio cambio modalità di pagamento (mezzo banca, visto che pure le poste lasciano a desiderare) e, chiaramente, una breve info su eventuali problemi alle loro linee.
Apriti cielo: il tizio si inalbera, alza la voce e chiude la comunicazione, rimandadomi all’assistenza!
Allibito dalla ‘professionalità’ del tizio (di cui, sfortunatamente, non afferro bene il nome per girare un nuovo reclamo con i controfiocchi), richiamo l’assistenza.

Altra ventina di minuti (a pagamento), per giungere alla conclusione che la mia adsl è guasta(?). Un tecnico mi contatterà entro 5gg. per risolvere il problema.
Da mercoledì a sabato (stamattina), mi rassegno all’inevitabile attesa e alla chiamata del tecnico uscente.
Quasi con noncuranza però, faccio un nuovo tentativo: accendo il modem e… sorpresa! L’adsl funziona magicamente!
Scopro quindi che la bravura dei tecnici esterni di infostrada è tale da riparare il guasto con insospettabili poteri telecinetici?
O che sono stato fatto oggetto di una ulteriore presa per i fondelli (a pagamento)?

Attendo vostri graditi suggerimenti (magari anche di qualche gestore alternativo e veramente valido).

Torno a farvi visita sui vostri blog, nel frattempo.
Ma portate pazienza, debbo recuperare…
Sempre che, naturalmente, i signori di infostrada non cambino nuovamente idea tagliandomi i fili…..

The image “https://i2.wp.com/img404.imageshack.us/img404/4663/infostrada09imgzm8.jpg” cannot be displayed, because it contains errors.


Battiato a Vicenza

Era da qualche tempo che non mi recavo ad un concerto di musica leggera. Sebbene, la parola “leggera”, parlando di Battiato, sia un pochino strettina. Il musicista di Catania ha infatti nella sperimentazione la sua caratteristica principale, sin dai lontani anni settanta. Per chi segue il mio blog, già nella “versione 1.0” precedente a questa, non dovrebbe rappresentare una novità la mia predilizione artistica per il “maestro” siciliano. Caso più unico che raro (preceduto esattamente un’estate fa dall’altra catanese doc; Carmen Consoli), il concerto, nello splendido panorama collinare del Santuario della Madonna di Monte Berico a sud-ovest di Vicenza (a pochissimi chilometri da casa mia), è stata un’ottima occasione per seguire nuovamente dal vivo uno dei miei artisti preferiti in assoluto. In una cornice suggestiva, dove sino a pochi anni orsono sarebbe stato impensabile ascoltarlo a causa della burocrazia a salvaguardia del posto, ho rivisto colui che ha accompagnato gli anni della mia adolescenza, con motivi dall’ironia pungente e dalle note trascinanti. Vi posto alcuni miei scatti.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media7d25b2a5a1fb1155e426bf91f29f3aaa.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


Purtroppo, la distanza non ottimale, non mi ha permesso un raggio d’azione ravvicinato. Lacuna superata al momento del bis e del tris;

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media77064d9920a1316faca387dc891bfe5d.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.


quando la sicurezza ha permesso anche alle ultime file di avvicinarsi al palco.

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/media9cdd4ef2d9073c7185bc021ec85cb8e5.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.

Così, tra un Voglio vederti danzare, una La Stagione dell’amore, la celeberrima La Cura, la martellante Cuccuruccucu, sino ai successi più recenti, ci siamo stretti attorno alla melodia particolare e geometrica del cantautore. Ormai è trascorso un mesetto da quel momento. Ma è bello constatare di riuscire a cogliere ancora la propria sensibilità con gli occhi dell’adolescente di ieri.
Grazie, Franco…

The image “https://keypaxx.files.wordpress.com/2011/12/mediadecf72335911e676df8ac825f2658a57.jpeg” cannot be displayed, because it contains errors.