Cora e il pattinatore

Il Natale è il periodo migliore per gli ipocriti. Qualcuno pensa veramente che nell’animo degli uomini, d’improvviso, cali un buonismo assoluto? Prima delle festività, la mia agenda di lavoro trabocca: arrivo a triplicare gli appuntamenti e ce n’è per tutti i gusti, soprattutto padri di famiglia o mariti esemplari. Devono in qualche modo rifarsi per il periodo di magra che passeranno fino all’epifania, costretti a stare incollati a parenti, suocere e mogli. Sono una dei pochi liberi professionisti a poter contare su una tredicesima persino superiore ai normali introiti mensili. L’importante è rispettare le proprie stesse regole facendosi pagare in anticipo.
«Ti piace qui?» mi domanda il pattinatore calvo, tenendosi al muretto della pista ghiacciata.
«È da qualche annetto che non pattino. Ma se piace a te…» gli rispondo, dritta sui miei schettini con un’abilità mai dimenticata.
Lui, invece, sembra sul punto di rovinare sul ghiaccio da un momento all’altro, con l’aria di chi avrà non poche difficoltà a cercare di rimettersi poi in piedi.
«Certo. Di solito ci vengo con un paio di amici. Sai, quando siamo stufi di sentire le mogli e vogliamo prenderci una pausa di un paio d’ore. Immagino capirai di cosa parlo.»
«Come no: capisco benissimo.» Gli rispondo, e scommetto di non vederlo arrivare in piedi al termine del primo giro.
La pista è mezza piena di persone che si muovono con il tipico atteggiamento di chi teme che il ghiaccio possa spezzarsi a ogni passo. Alcuni si tengono per mano, altri sono imbambolati ai margini del circuito. L’idea del mio cliente è quella di infilarsi negli spogliatoi del lato opposto perché, dice: voglio provare il brivido di farlo in un luogo affollato, come da ragazzino. Per ora, gli unici brividi che prova, sono quelli del freddo e della fifa. Le gote del viso gli sono diventate bluastre.
«Quindi hai capito, Cora: ci basta arrivare nella zona gialla. Ho dato una buona mancia al custode per assicurarci una certa intimità dentro lo spogliatoio. Ho pianificato tutto nei dettagli. Sei pronta?»
«Quando vuoi.» Gli dico, evitando di fare commenti sul suo stile claudicante e bradiposo.
Il pattinatore provetto non ha notato la piccola figura che si avvicina veloce dal lato sinistro. Silenziosa e abile, persino più di me che ho pattinato durante gli anni dell’adolescenza, riduce le distanze in un baleno e apre la bocca in un’espressione di felice complicità, guardandomi.
«Papà! Ehi papà! Hai visto che ti ho fatto una sorpresa? Sono venuta a trovarti con la zia Giuditta!» esclama la bimba. Dalla direzione da dove è partita, scorgo la figura austera e allampanata della zia Giuditta, una suora.
Il bluastro sopra le gote del pattinatore diventa un verde oliva, poi un giallo limone. Infine cade pesantemente, facendo rimbombare la lastra di ghiaccio con le natiche ossute. La figlioletta lo scruta allibita e delusa. Io, in una piroetta artistica, mi allontano salutando la suora con un mezzo inchino: a Natale occorre essere buoni.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora e la Superstar

Lui è una Superstar, di quelle che riempiono gli stadi richiamando frotte di fan ad ogni concerto. Il suo nome appare da anni sopra i rotocalchi dello spettacolo e le sue esibizioni sono richiestissime anche all’estero: a Parigi, Londra, Madrid, Berlino. Non è mai stato bellissimo, nemmeno quando aveva vent’anni. Non un Brad Pitt, per intenderci. Ma neppure io sono Angelina Jolie. Rimango comunque stupita quando il manager della Superstar mi contatta per una notte particolare alla conclusione del concerto allo Stadio di San Siro.
«Mi raccomando: deve fare il suo lavoro, poi esce dalla porta di servizio dell’albergo alle prime luci dell’alba.» Precisa il manager, con la sua esse sibilante, dietro occhiali spessi come fondi di bottiglia e una magrezza che sfiora l’anoressia.
Io inarco un sopracciglio in tutta risposta, quindi sfoggio i miei denti bianchi spezzando l’aura asettica che lo circonda.
«Massima precauzione. Non vogliamo che l’artista abbia altri generi di conseguenze dovute all’incontro. Ha portato i preservativi?» chiede il secco tirapiedi, premendosi gli occhiali sul naso adunco.
«Certo. Fanno parte del mio normale equipaggiamento. Li preferisce alla fragola o usiamo quelli anallergici?» chiedo, aprendo la borsetta e mostrando varie scatole sigillate.
«Niente di tutto ciò.» Sentenzia. «Volevo solo appurare il suo livello di professionalità: l’artista utilizza profilattici appositi.»
«Prego?» gli domando confusa, piegando il capo di lato.
«Questi.» Dice lui, e sfila dalla giacca laminata una scatola rettangolare con brillantini. «Sono progettati su misura presso un’azienda farmaceutica: i più sicuri e confortevoli che possano trovarsi in commercio, in rapporto di cinque a uno, rispetto a un preservativo classico.»
«Caspita.» Rispondo, increspando le labbra e fingendomi interessata, in una tipica espressione da schiaffi. «Ok, ciao ciao bello. Ora vai pure a riposare che io devo lavorare.»
Arraffo la scatola luccicante dalla mano del manager, che se ne sta impettito come uno stoccafisso con l’espressione inorridita, e mi infilo nella stanza d’albergo a cinque stelle. L’interno è buio. La Superstar è sdraiata sul letto, ancora vestito. Già dalla porta sento il profondo russare e l’odore di alcol diffuso nell’aria. Abbraccia le lenzuola dandomi la schiena. In una mano tiene stretta una Crown Ambassador da novanta dollari a bottiglia. Vuota. Ai piedi del letto scorgo altre due bottiglie di birra, rovesciate, vuote e della stessa costosa marca. Dorme come un bambino, ma sbronzo come uno scaricatore di porto dopo aver girato tutti i bar della zona. Mi siedo sulla poltrona di fianco, rimirando i profilattici che brillano anche nella penombra.
Una cosa la devo ammettere: è intonato persino quando russa.
Punto la sveglia del cellulare alle cinque e trenta: forse riuscirò a dormire un paio d’ore.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora e Kubrick

«Lo conosci Stanley Kubrick, vero?»
«Non ho mai avuto l’onore, mi spiace.»
Rispondo alla maschera da pinguino.
Il tizio in frac porta un grosso testone di cartone sul capo, con tanto di becco aperto e una lingua rosso fuoco, che pare aver ingerito mezzo chilo di peperoncino piccante. Del pinguino sfoggia anche l’altezza: potrei quasi raggiungerlo, senza tacchi, e non arrivo al metro e settanta.
«Ah, sei spiritosa. E sei anche molto carina, a quanto vedo.» Aggiunge lui, squadrandomi da capo a piedi, lascivo. «Penso gli saresti piaciuta. Peccato sia morto da un po’.»
«Sul serio? Peccato davvero: se ne vanno sempre i migliori.» Gli rispondo, senza troppa fiducia che colga la sfumatura rivolta a lui.
E infatti, Mr. Pinguino mi resta incollato peggio del super attak. Sarò costretta a sorbirmi il resto dei suoi vaneggiamenti, mentre officianti e baccanti nude ci sfilano di fianco in una patetica rivisitazione di Eyes Wide Shut.
«Fai parte delle officianti o delle baccanti? Perché, nel primo caso hai un costume sbagliato. E, nel secondo caso, beh…» incespica allusivo sulle parole, muovendo il testone di cartone dalla cima dei miei capelli alla punta delle scarpe.
«Vuoi sapere se sono più Cruise o più la Kidman?»
«Eh! La Kidman non credo proprio.»
«E perché?»
«Ti mancheranno quasi una ventina di centimetri!»
Lo fisso per un momento, indecisa se colpirlo subito nelle parti basse o fingere d’essere ancora una tipa di una certa classe. Mentalmente, mando a quel paese il cliente che mi ha ingaggiata per fare la ragazza immagine, in un salone pieno di pinguini e donne svestite.
Non avrai nessuna difficoltà: devi solo venire in tailleur e tacchi alti e, quando la maggior parte degli invitati sarà arrivata, ti piazzerai sopra il lettone centrale e comincerai il tuo spogliarello. Ignora i tizi con la maschera da pinguino, sono solo per coreografia e pagano meno degli altri; mi ha detto il cliente, contattandomi per il lavoro.
Ma come potrei rispettare scrupolosamente regole tanto ingiuste? I pinguini sono animali talmente deliziosi. Lo invito a seguirmi con un sorriso ammaliante, ancheggiando sopra i tacchi fino alla dispensa della villa. Tra salami appesi, prosciutti e pancette, la temperatura mi aggredisce subito la pelle scoperta. Stringo i denti per trenta secondi buoni: quanto basta affinché Mr. Pinguino tenti di slacciarsi i pantaloni, con la vista limitata dalla maschera. Poi scappo fuori e richiudo a chiave.
«Ehi! Dove sei finita? Aprimi subito: che scherzi sono?»
«Nessuno scherzo, stai tranquillo. Vado a conoscere Kubrick, poi ritorno…».

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora e l’avaro

Lo ammetto: con il mestiere che faccio ho la presunzione di saper riconoscere gli uomini. Così accetto di lavorare fuori dal mio appartamento quando, Serafino, cliente da un anno, mi chiede di volerlo fare sopra un prato, ai limiti del bosco, in periferia. Non è un posto rassicurante: siringhe usate lasciate sull’erba, preservativi gettati accanto alle foglie morte, sbandati che lo usano come casa con un tetto di stelle sulla testa. Serafino vuole rivivere gli amori della sua adolescenza, quando si appartava, dentro la vecchia punto di seconda mano, con qualche ragazzina di scuola; la facile di turno. Non credo avesse problemi a rimorchiare, all’epoca. Oggi tende a essere obeso, ma ha dei lineamenti, con due occhi di un celeste incantevole, che fanno capire quanto fosse piacevole con vent’anni di meno. Qualche volta tendo a essere permissiva con questo genere di clientela, ma non dovrei permettermelo. Dicono che le prostitute abbiano il cuore dentro al portafogli – e qualcuno azzarda persino posti meno edificanti -. Forse proprio perché non amo i luoghi comuni sulla categoria faccio degli strappi alla regola. Negli ultimi sei mesi, Serafino ha affrontato una separazione dalla moglie – sveglia come una faina, che lo ha lasciato quasi in mutande – ed ho accettato di praticargli degli sconti occasionali, contro ogni logica. Lui inizia a esagerare con questo genere di richieste.
Si riveste, prende le chiavi della sua utilitaria – è tornato a una quattro ruote di seconda mano -, mi guarda e allunga delle banconote, con un sorrisino che non mi piace per nulla: «Ecco… Mi fai lo sconto? Tanto tu guadagni un sacco!»
È un attimo. Mi domando se davvero conosco così bene gli uomini. Guardo attorno e il profumo dell’erba umida mi invade le narici. Gli sorrido, mi avvicino: il mio ginocchio parte che è un piacere, centrando l’obiettivo e piegandolo in due.
Afferro le chiavi al volo e mi metto al volante: «Prova con l’autostop. Di solito sono gratuiti.»
Se arriva lo Spirito del Natale passato, si troverà un novello Scrooge tra le mani, penso. Quindi regolo lo specchietto sull’immagine, sempre più piccola, di un ometto in ginocchio e ingrano la marcia.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Il tacco di Cora

«Mi occorrono sul serio, Cora. Sono nei casini!» esordisce così, l’amica Penelope.
Non riesco a ricordare una sola volta che la sua comparsata non portasse al seguito anche una robusta dose di guai. Le indico l’armadio delle scarpe, rassegnata. Ho appena terminato le pulizie di primavera e nel sacco dell’immondizia ci sono finite una quantità industriale di calzature. Lei mi abbraccia estasiata, dopo essere fuggita scalza per mezza città dal set del suo nuovo film hard, per incomprensioni con il regista.
«Sei un tesoro! se non ci fossi tu non so davvero cosa farei!».
Mi bacia e abbraccia, poi scompare con la stessa velocità con cui era entrata. Naturalmente ha scelto per lei il paio di scarpe migliori. Decisamente non posso rimandare oltre; afferro borsetta e carta di credito e mi infilo l’ultimo paio buono rimasto. Urge uno shopping immediato. Mi precipito in strada e prendo un taxi al volo: direzione il negozio di Gastone, all’angolo tra Viale Verdi e Viale Mazzini. Davanti alla vetrina finisco imbambolata: “accidenti a Penelope e al suo pressapochismo!” sbotto. Un cartello rettangolare avvisa di uno sciopero negozianti in tutta la città. Rigirandomi come un toro che ha visto rosso, sento il crack sotto il piede. Mi ritrovo immediatamente più bassa di dieci centimetri e quasi ci rimetto la caviglia, insieme al tacco. Il taxi ha già preso la via del ritorno e sono troppo lontana dalla fermata del bus. Camminare sui sanpietrini in queste condizioni sarebbe pura follia. Sfilo le scarpe e me la faccio a piedi nudi, martoriandomi le piante. Ogni metro è una pena e una nuova imprecazione rivolta a Penelope. Poi mi ricordo dove mi trovo. Macino mezz’ora sul marciapiede, mentre tutti mi guardano dietro – la metà scrollando la testa – e mi porto sotto casa della mia preziosa amica.
«Penelope… sono nei casini: mollami le scarpe!»
«Ma… che ti è successo? E io come faccio a tornarmene sul set? Perché sai, ci ho ripensato: ho voglia di tornarci.» La guardo incerta.
Non so se ucciderla o limitarmi alla tortura.
«Ho io la soluzione per te, cara!»
Torno a camminare sui miei tacchi lasciandomi una sbigottita Penelope alle spalle. L’omicidio era troppo. Sono così buona da averle offerto due opzioni; o se ne torna sul set zoppicando o con le vesciche ai piedi.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora in ritardo

Quando leggo sul quotidiano la notizia, il cappuccio rischia di imbrattarmi la mini. Il cameriere non si è ancora del tutto allontanato; raccoglie gli ordinativi tra i tavolini del bar e fa cadere l’occhio sopra le mie cosce, sperando di vedere, grazie a un imprevisto, quel che lui da solo non potrebbe. Ho i nervi tesi e mi sento messa all’angolo. La pausa prima di incontrare il mio cliente è rovinata. Sono in ritardo, ma devo per forza rinfrescarmi alla toilette. Gli sguardi di due adolescenti mi spogliano e non posso dar loro torto; la sveglia non funzionava, così, per recuperare tempo, sono già mezza nuda ancora prima di cominciare a lavorare. Una camicetta in cotone leggero, semitrasparente sopra la pelle, e un paio di stivali a tacco alto, completano la mia ridotta mise. “Spero lo prendano presto…” mi dico, sistemandomi il trucco e bagnandomi i polsi sotto il rubinetto. Il maniaco ha fatto fuori la terza prostituta una settimana fa, e ne han ritrovato il cadavere solo ieri sera. Non ce l’ha con quelle sulla strada, ma con quelle delle camere d’albergo. Come me.
Scrivono di esserci vicini, e sarebbe solo questione di ore, ormai. Ha lasciato indizi pesanti sull’ultimo cadavere. Certo, vallo a raccontare al mio cuore, quando ha terminato di giocare a ping-pong. Esco e mi trovo un’altra sorpresa: il carro attrezzi si è portato via la mia macchina – tutta colpa dello sciopero dei taxi e della mia fretta di parcheggiare -.
Passo il resto della giornata, fino a sera inoltrata, nel comando della polizia stradale; ho come l’impressione che il graduato rallenti di proposito le pratiche. Ammicca e non mi piace. Sono a pezzi quando riesco finalmente a chiudermi la porta alle spalle; mi sono giocata le ultime riserve di energia per convincerli che non sono “una di quelle”. Senza nemmeno sapere come ci sono riuscita. L’unico colpo di fortuna di una giornata storta. Appena accendo la tv scopro che è soltanto il secondo, e il meno importante; lo hanno preso, il maniaco.
Stavolta il bicchiere di alcol mi casca dalle mani: era il cliente con cui avevo appuntamento.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2017. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora in omaggio

cora_ebook_pdf_blog

Se appartieni a coloro che l’hanno amata leggendone le quattro stagioni pubblicate su questo blog, oppure se appartieni a coloro che l’hanno scoperta solo di recente e vorrebbero conoscerla meglio, hai varie possibilità per avere Cora accanto: Leggere il nuovo romanzo L’amore ferisce, disponibile in eBook e in cartaceo, dallo scorso mese di luglio, che ne racconta gli inediti retroscena destinati a farla nascere. E scaricare il nuovo eBook PDF disponibile, gratis, per gli iscritti alla newsletter del mio Sito-Blog ufficiale, che ne pubblica in veste editoriale inedita le prime stagioni.
Se non sei ancora iscritto alla newsletter, questa è l’occasione migliore per farlo: ti bastano cinque rapidi e semplici passaggi, per ottenere un doppio beneficio. Il primo vantaggio consiste nel ricevere, automaticamente, direttamente nella tua casella di posta elettronica, ogni nuovo aggiornamento riguardante la mia attività e l’universo editoriale. Il secondo vantaggio è di ricevere gli eBook PDF esclusivi per leggere, integralmente, il materiale narrativo proposto, talvolta a episodi diluiti negli anni, proprio su questo blog, mio laboratorio di scrittura. È una tradizione cominciata con Esdy, proseguita con I racconti della neve, Lakota, L’errante cavaliere e giunta oggi a Cora. Come preciso in apertura, solo se sei già iscritto, probabilmente hai scaricato i precedenti racconti esclusivi e per te, avere quello di Cora è molto facile: chiedilo scrivendomi QUI, provvederò a spedirti il link per scaricarlo dal tuo indirizzo elettronico preferito. Altrimenti, se non lo sei, procedi con la tua prima iscrizione leggendo le indicazioni QUI: in quel caso, il link ti arriverà immediatamente, insieme alla conferma di registrazione. La raccomandazione è di controllare scrupolosamente la casella di posta elettronica, perché ogni servizio ha impostazioni diverse e potrebbe scegliere, autonomamente, di scaricare il messaggio nella sezione dello spam.
Mi auguro di leggere presto le tue preziose impressioni sul nuovo romanzo L’amore ferisce, nato dalla serie, e quelle relative all’omaggio PDF Cora. Nel primo caso contribuirai a sostenere il difficile cammino che ho intrapreso, mentre nel secondo mi permetterai di capire se queste iniziative sono gradite.
Buona lettura.

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2016. Tutti i diritti riservati.
Immagini © Copyright aventi diritto: “Cora” elaborazione grafica di Alberto Camerra

Sogni di Cora

cora8stagione_4

Ci sono quei momenti in cui la testa se ne va per conto suo e capita soltanto in due situazioni; quando sei ubriaca o quando sogni. Anche io li faccio, per quanto possa sembrare strano, mi succede: li chiamano sogni erotici. Ti saltano dentro le coperte quando meno te lo aspetti. Ora uno di questi sembra aver deciso di bussare alla mia porta.
«Il professor Silimboni non abita qui?» mi chiede con aria delusa, fissandomi occhi e scollatura, non proprio in quest’ordine.
«Si è trasferito da un paio di mesi, mi risulta. Piacere Bianca» lo informo allungando la mano. Sta arrossendo.
«Oh certo, mi scusi, che sbadato! Piacere Goffredo» dice, stringendomela nella sua.
È sudato, oltre che imbarazzato, avrà una decina d’anni meno di me. Sta decidendo se provarci e infangare il colletto bianco in bella vista, o se battere in ritirata. Io devo stabilire se comportarmi da Bianca oppure da Cora. Mi sono fregata da sola, presentandomi come la prima, per cui mordo il labbro inferiore, storcendomi la bocca. Senza volerlo divento ancora più sensuale. E il pretino suda quanto una fontana. «Ecco… credo di dover andare, adesso. Ho un collega qui sotto e non vorrei farlo aspettare…». Il credo gli esce pure molto bene. Con uno stacco tra le parole, un apostrofo indeciso in bilico tra lo scivolo in basso e le pieghe del mio vestito… così allungo entrambe le mani e lo afferro per il colletto bianco, attirandolo con decisione verso le mie labbra. Basta un momento, uno di quelli che ti bloccano sulla soglia di casa. Bianca o Cora… non so nemmeno quale delle due balza fuori dalle fiamme della mia anima tormentata, asciugando l’acqua santa e facendone bollire il recipiente. Lui è perso. Ammaina la bandiera del clero e sfodera quella pirata; tutta nera, con in mezzo le mie forme
Poi, come è arrivato, il lampo passa. Me lo rivedo lì, davanti. Imbambolato come me. L’incantesimo spezzato da un erotismo ad occhi aperti mai avverato.
«Devo andare… la ringrazio, sa… buona giornata» fugge per le scale, prima dell’irreparabile.
“Diamine: faccio paura anche ai giovani pretini” sorrido amara. Mentre il mio sogno erotico sparisce dal portone del palazzo.

cora_serie

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2016. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora e l’uomo impegnato

cora7stagione_4

«Allora è tutto chiaro? Ti raccomando: dobbiamo riuscire a rispettare le tempistiche. Altrimenti mi salterà il programma dell’intera giornata». Sono scrupolosa nel mio lavoro; se un cliente ha delle necessità precise, e mi paga abbastanza da aiutarlo a rispettarle, faccio del mio meglio per onorare l’impegno preso. Così regolo la sveglia del cellulare, prima di spegnerlo. Mi sfilo le décolleté, con un colpo deciso dei piedi, per guadagnare velocità. Sembro una papera, scesa dai tacchi. Faccio in modo che il mio partner non se ne renda conto – o addio libido -, e lo strattono verso di me tirandolo per la cravatta. Le autoreggenti scure han sempre il loro perché.
La troppa foga mi fa correre il rischio di premergli le labbra sulle mie: «Questo no», esclamo, usando la voce come uno strumento; il tono inequivocabile, per essere ascoltata, il calore, per tenerlo su di giri. Rotoliamo sopra il letto, avvinghiati l’uno all’altra. Si sfila la giacca, con scatti secchi e nervosi.
«Aiutami…» invoca, mentre l’orologio gli si incastra nel polsino della camicia.
«Cristo…» e la zip dei pantaloni s’impiglia sul cotone degli slip.
Per fortuna ho una certa dimestichezza anche in questo.
«Che ore sono?»
«Ssst… è tutto sotto controllo» gli rispondo, rassicurandolo.
In realtà attendo da un momento all’altro il suono della sveglia; ho perso il conto del tempo e fingo padronanza di me, al posto dello stato di ansia che pesa sul petto. Lui si carica come un tornado, prima di spazzar via case, chiese e grano dei campi. Quasi vedo il fumo sbucargli dalle orecchie. Ma non è una saetta scatenata dal cielo. È più un mortaretto delle feste patronali, che s’inceppa sul più bello. Il suono del cellulare è una liberazione alla gara da maratoneta del sesso: «Devo muovermi subito! Per favore… dammi una mano… dove sono finiti i pantaloni?».
Si riveste e se ne va. Si è dichiarato soddisfatto. Ci son donne che pagherebbero per farlo durare di più. Io sono stata pagata per non fargli superare i quindici minuti. Del resto, sono le gioie e i dolori del professionismo.
E onoro sempre gli impegni presi.

cora_serie

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2016. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Una scommessa per Cora

cora6stagione_4

Nella maggior parte delle occasioni, non ho mai amato scommettere e ancor meno assistere a chi ci prova. La maggior parte però, come norma, è diverso da sempre. È stato nel giorno del quasi che mi è capitato di conoscere Fausto. Un gruppetto di amici me lo ha portato alla hall dell’albergo. Goffo dentro il suo vestito elegante, e rosso come un pomodoro in viso, aveva tutto per potersi definire un bel ragazzo. I capelli di un biondo vicino al grano dei campi, erano ornamento a un paio di occhi celeste cielo, sopra un viso dai lineamenti squadrati e dolci, in un corpo asciutto e di media statura. Tra le risatine degli accompagnatori ho voluto accertarmi dell’età sulla carta d’identità. Sembrava in piena regola, per trascorrere una serata con me. Lo avrebbero recuperato alle sei del mattino. Fino ad allora, ci offrivano una cena in un ristorante a quattro stelle, Il borghese gentiluomo di Moliere a teatro e il resto della notte sopra il mio letto. Fausto guardava spesso indietro, come un animale in gabbia, con un comportamento diverso dalla sola timidezza, si aggiustava nervosamente il colletto della camicia e si allentava la cravatta.
«Ti prego… io non…» disse, senza riuscire a completare la frase, dopo aver bagnato di sudore le lenzuola. Aveva l’espressione di chi è smarrito e terrorizzato al tempo stesso.
«Hai già provato, vero?» chiedo con cautela.
«Sì, ma loro insistono. Non volevo deludere Pietro».
«È lui quello che ti piace, del gruppo?».
«Farei qualsiasi cosa, per lui. Ma…»
«Ma non puoi fare questo» concludo io.
Passa il resto della notte abbracciato a me, tra singhiozzi e lacrime. Puntuali, alle sei, vengono a riprenderselo. Lo vedo camminare di fianco a Pietro e mi chiedo per quanto ancora proverà a vivere la vita di un altro.
Non ho mai amato scommettere e ancor meno assistere a chi ci prova.
Evito le scommesse, nella maggior parte delle mie giornate da escort.

cora_serie

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2016. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.

Cora e la concorrenza

cora5stagione_4

Lei è bella. Parecchio. E non mi vergogno ad ammetterlo. Mi rode anche? Un po’ sì: sarebbe da sceme fingere il contrario. Del resto, da quando è nato il commercio, si è sempre dovuto fare i conti con le novità del settore. Nuovi accessori, design accurato e linea più aggressiva, prestazioni di maggior durata grazie a un tasso tecnico studiato a tavolino.
«Ciao zia, ti auguro una buona giornata.» Geliya, rosa dell’est, si diverte anche a sfottere, guardandomi i seni da una dozzina di centimetri più in alto: i suoi, traboccanti e in aperta sfida alle leggi di gravità, sono motivo di vanto.
Le alzo il dito medio. Ha solo vent’anni, gli stessi che avevo io quando ho cominciato.
Cambio spesso albergo, per non lasciare punti di riferimento alla clientela troppo invadente, ma ogni angolo di città è pieno zeppo di altre giovanissime Geliya. Naturalmente, nella mia zona, è lei quella dal fisico più sfolgorante, ma nemmeno le altre scherzano. Le colleghe del giro stanno mollando poco a poco. Qualcuna ha deciso di trasferirsi altrove, qualcuna di anticipare la pensione alla soglia dei trent’anni, qualcuna di provare a sistemarsi sposandosi un cliente. Geliya me la ritrovo persino dentro gli spogliatoi della palestra. Vuol farmi sentire surclassata. Ho visto top model orribili, al suo confronto. Una sera, dentro la camera dell’hotel, mentre ammazzo la noia sfogliando una rivista in poltrona, bussa alla porta Dario; un tizio soffiatomi, tra i tanti, da lei. È agitatissimo, grondante di sudore.
«È successa una cosa a Geliya» dice, fissandomi i seni e gesticolando.
Aspira l’aria e gonfia le guance, poi soffia fuori tutto, come un palloncino che si buca all’improvviso.
«Il silicone ha fatto puff
Dario asserisce con gli occhi spalancati.
Butto fuori la testa dalla stanza; il corridoio è un lamento unico. Confondo la voce di Geliya con la sirena dell’ambulanza.
La rosa dell’est diventa un ricordo sgradito di cui pochi favellano. Diventa l’ennesima barzelletta sul silicone. Me le sistemo meglio dentro il wonderbra e giuro a me stessa di utilizzare, come unica plastica, quella della minerale.

cora_serie

Autore testi: Keypaxx © Copyright per questo testo dal 2016. Tutti i diritti riservati.
Immagini dal web © Copyright aventi diritto: “Jennifer Love Hewitt” archivio web
Nella ideale parte di Cora ho scelto dal 2011 Jennifer Love Hewitt.